Chiesti i domiciliari per Tatarella: "Non è stato corrotto". Giudici li concedono

"Il carcere è durissimo per tutti, speriamo almeno nei domiciliari", ha concluso il legale. Tatarella è stato poi scarcerato

Tatarella

Pietro Tatarella, l'ex consigliere comunale milanese ed ex vicecoordinatore lombardo di FI, finito in carcere nel maxi blitz del 7 maggio della Dda di Milano su un giro di tangenti, appalti, nomine pilotate e finanziamenti illeciti, "non è stato corrotto" dall'imprenditore della Ecol-service Daniele D'Alfonso. Lo sostiene la sua difesa, che aggiunge: se i pm vogliono ipotizzare che abbia preso soldi per facilitarlo negli appalti Amsa (l'azienda milanese dei rifiuti), al massimo si può contestare un "traffico di influenze illecite" che "non giustifica, da codice, la custodia cautelare in carcere".

"Abbiamo chiesto la scarcerazione e in subordine gli arresti domiciliari", ha spiegato l'avvocato Nadia Alecci che lo difende assieme al collega Luigi Giuliano, nell'udienza davanti al Riesame nelle scorse ore.

"Il carcere è durissimo per tutti, speriamo almeno nei domiciliari", ha concluso il legale. I giudici, poi, li hanno concessi. Tatarella è così uscito di carcere

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Solidarietà dal centrosinistra

E sul trattamento di Tatarella, trasferito da Opera a Busto Arsizio, arriva anche la solidarietà del centrosinistra. "Pietro Tatarella è in carcere da più di 3 mesi, in attesa di un processo. Due mesi li ha fatti in isolamento con un’ora d’aria - scrive il consigliere regionale del Pd Pietro Bussolati -. L’ultimo mese è stato spostato in un altro carcere dove le misure di isolamento sono state allentate (trasferimento comunicato alla famiglia dopo che è avvenuto). Questo è inaccettabile perché sia che Tatarella sarà ritenuto colpevole che innocente si tratta di una detenzione preventiva senza che il processo sia nemmeno iniziato. Alessandro Giungi (consigliere comunale del Pd) ci richiama ad un garantismo doveroso verso Tatarella e gli altri carcerati meno noti nelle stesse condizioni e ha molto ragione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, folle abbandona la mamma sull'A7, poi picchia un tranviere e si mette a guidare il tram

  • Accoltellato sull'autobus a Milano, 23enne gravissimo in ospedale

  • Follia alla Darsena: due ragazzi gettano in acqua un venditore di rose e poi scappano

  • Coronavirus, l'allarme dei medici di Milano: "Prepararsi a stagione influenzale o sarà crisi"

  • Lo spettacolo della cometa Neowise, visibile a occhio nudo sopra Milano

  • Bollettino coronavirus Milano e Lombardia: 192 guariti, 15 nuovi positivi a Milano città

Torna su
MilanoToday è in caricamento