homemenulensuserclosebubble2shareemailgooglepluscalendarlocation-pinstarcalendar-omap-markerdirectionswhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companieslocation-arrowcarbicyclesubwaywalkingicon-cinemaicon-eventsicon-restauranticon-storesunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Un ricordo nel Giardino dei Giusti di Milano per la regina Elena di Romania

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MilanoToday

Milano e la Lombardia ospitano una grande comunità romena. Questa realtà  è presente ad ogni livello sociale e professionale e contribuisce alla crescita della nostra città. I legami tra la terra di Romania e la Città di Milano affondano le loro origini nel passato ed in una storia comune che ha unito lombardi e romeni. Il Capoluogo lombardo, inoltre, ospita anche un’importante “Giardino dei Giusti” nel quale vengono onorate la memoria di coloro che hanno dato il loro aiuto nel salvare delle persone perseguitate a causa di guerre , odio religioso o etnico.

Questa necessaria premessa ci spinge a chiedere all’associazione “Gariwo -L’Associazione per il Giardino dei Giusti ” di prendere in considerazione la possibilità che nel “giardino dei Giusti  di Milano possa essere ricordata la figura della Regina  Elena di Romania , madre del Re Michele I ,  che , è bene ricordarlo si aperò per la salvezza di migliaia di ebrei in particolar modo assieme al sindaco di Cernăuți (oggi Chernivtsi in Ucraina) contro la deportazione della locale comunità ebraica e protesse anche coloro che erano stati deportati dal regime nella Trasnistria.

Un gesto per rendere grazie a questa grande figura della storia di Romania e permettere anche alla grande comunità romena di Milano e Lombardia di avere una propria connazionale ricordata nel luogo simbolo della memoria .

 Dott Marco Baratto

Gruppo "Fratellanza Italo Romena"

Torna su
MilanoToday è in caricamento