Uomo guarisce dalla leucemia nonostante fosse resistente alla chemio: successo allo Ieo

L’Istituto Europeo di Oncologia festeggia: grazie al Venetoclax in combinazione alla chemio

Ieo

L’Istituto Europeo di Oncologia festeggia un grande successo: un uomo di 35 anni colpito da leucemia mieloide acuta, una delle forme più gravi di leucemia, resistente alla chemioterapia, ha ottenuto la remissione completa della malattia grazie all’utilizzo del farmaco Venetoclax in combinazione alla chemioterapia.

Il risultato straordinario è stato ottenuto dai medici della Divisione di Ematoncologia e Trapianto di Midollo, diretta da Corrado Tarella. Il caso è pubblicato da Elisabetta Todisco, referente del Gruppo Leucemie, sulla rivista scientifica Leukemia & Lymphoma. Il farmaco è stato utilizzato come terapia di salvataggio, prima di sottoporre il paziente a trapianto allogenico di cellule staminali emopoietiche, e successivamente risomministrato come terapia di mantenimento dopo il trapianto, monitorizzando costantemente la malattia residua fino alla totale scomparsa. Oggi, a due anni dal trapianto di midollo, il paziente gode di ottime condizioni generali ed è clinicamente guarito. 

"Il paziente non ha malattia residua e sta bene"

“Siamo felici prima di tutto perché a più di due anni dal trapianto allogenico di cellule staminali ematopoietiche, il paziente non ha malattia residua e sta bene – ha commentato Todisco – e in secondo luogo perché pensiamo che il risultato sia riproducibile in casi analoghi. Si tratta infatti di utilizzare diversamente un farmaco, il Venetoclax, che è già da tempo usato nella pratica clinica, in associazione ai demetilanti, per la cura in fase iniziale della leucemia mieloide acuta dell’anziano. La nostra intuizione è stata di utilizzare Venetoclax per lo stesso tipo di leucemia in un paziente giovane e in modo diverso: subito prima (terapia di salvataggio) e subito dopo (terapia di mantenimento) il trapianto e in modo non continuativo, ma monitorizzando la malattia residua. Va sottolineato – ha proseguito – che il trapianto è considerato la tappa conclusiva dell’iter di cura delle leucemie, vale a dire l’ultima opzione terapeutica di provata efficacia per il controllo della progressione. Pertanto ottenere la remissione di malattia prima del trapianto è indispensabile per evitare il rischio di recidiva post-trapianto e conseguentemente salvare la vita del paziente leucemico”.

Paziente refrattario ai primi due cicli di chemioterapia

Il paziente in questione si era dimostrato refrattario ai primi due cicli di chemioterapia, ma ha inaspettatamente mostrato una risposta completa all’associazione di chemioterapia e Venetoclax e questo ha consentito di procedere al trapianto allogenico di cellule staminali ematopoietiche. A questo punto gli ematologi Ieo hanno pensato di utilizzare Venetoclax con un dosaggio più basso, come mai era accaduto prima, come terapia di mantenimento post-trapianto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Vogliamo subito organizzare uno studio clinico nell’ambito del Gruppo Italiano Trapianto di Midollo (GITMO) - ha concluso Todisco - per consolidare i nostri risultati. Pensiamo che Venetoclax in associazione e alla chemioterapia possa vincere la chemioresistenza di alcune forme di leucemia acuta, mentre in monoterapia possa essere efficace e ben tollerato come terapia di mantenimento post- trapianto allogenico, consentendo di ridurre l’incidenza di recidive, che rappresentano il principale motivo di fallimento della procedura trapiantologica”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, folle abbandona la mamma sull'A7, poi picchia un tranviere e si mette a guidare il tram

  • Follia alla Darsena: due ragazzi gettano in acqua un venditore di rose e poi scappano

  • Lo spettacolo della cometa Neowise, visibile a occhio nudo sopra Milano

  • H&M chiude a Milano, lavoratori trasferiti ad Ancona (e non solo): "Non ci fanno rientrare"

  • Bollettino coronavirus Milano e Lombardia: 192 guariti, 15 nuovi positivi a Milano città

  • Bollettino contagi coronavirus: a Milano trovate sei persone positive, 16 nella città metropolitana

Torna su
MilanoToday è in caricamento