Bandiere del Gusto, sono 246 le specialità enogastronomiche lombarde

E'quanto emerge all'Assemblea della Coldiretti che ha tracciato la mappa regione per regione della speciale classifica del nostro patrimonio enogastronomico

Coldiretti torna ad assegnare le “bandiere del gusto”, un particolare riconoscimento a tutte quelle specialità locali e regionali ottenute secondo regole tradizionali protratte nel tempo per almeno 25 anni.
 

Salgono al numero record di 4813 le “bandiere del gusto” a tavola assegnate all’Italia nel 2014 e ben 246 le quelle assegnate alla Lombardia. E’ quanto emerge all’Assemblea della Coldiretti che ha tracciato la mappa regione per regione della speciale classifica del nostro patrimonio enogastronomico. La Lombardia si posiziona al nono posto nella top ten delle regioni con più specialità tradizionali. Prima di lei la Toscana, che con 463 bandiere è leader indiscusso per prodotti locali, seguita da Campania (429), Lazio (386), Veneto (371), Emilia Romagna (356), Piemonte (341), Liguria (295) e Calabria (269).

“E’ questo il risultato del lavoro di intere generazioni di agricoltori impegnati a difendere nel tempo la biodiversità sul territorio e le tradizioni alimentari”, ha affermato il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo nel sottolineare che “si tratta di un bene comune per l’intera collettività e di patrimonio anche culturale sul quale l’Italia può contare per ripartire”.
 

Tra le specialità regionali della Lombardia troviamo 71 diversi tipi di pane, paste fresche, torte, seguiti da 68 tipi di carni fresche e insaccati di vario genere, 63 formaggi e 30 verdure fresche e lavorate. Per la prima volta, inoltre, nelle bandiere del gusto rientra anche la birra della Valganna.
 

Dal 2005 ad oggi, afferma la Coldiretti Lombardia, il patrimonio di specialità che sono ottenute secondo regole tradizionali protratte nel tempo per almeno 25 anni, è cresciuto passando dalle 189 del 2005 alle 246 attuali.

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
MilanoToday è in caricamento