Effetto coronavirus: a Milano case più economiche nel breve periodo, poi la risalita

Secondo lo studio di Scenari Immobiliari diminuiranno anche gli affitti. Ecco la tabella

Milano (foto Semplicemente Milano/Andrea Cherchi Fb)

Per ora si tratta solo di una previsione e per sapere se è corretta bisogna solo aspettare. È comunque una previsione a ribasso (sul breve periodo) quella sui prezzi delle case e degli affitti all'ombra della Madonnina presentata da Scenari Immobiliari. Una contrazione dei prezzi a cui, secondo gli esperti, seguirà successivamente un aumento di valore. Le stime sono contenute in "Valutare nell’incertezza, un modello previsivo 2020 – 2025", studio presentato da Stefano Stanghellini (ordinario in estimo all'università Iuav di Venezia) e Mario Breglia (Scenari Immobiliari) durante un incontro organizzato proprio dall'istituto indipendente di studi e ricerche nella mattinata di martedì 23 giugno.
Milano residenziale-2

Osservando il modello si nota una discesa nel breve periodo seguito da una fase ascendente nel medio periodo. Nello specifico gli esperti prevedono che a Milano i prezzi delle case non subiranno nessun aumento nel 2020 (gli affitti dovrebbero calare del 2,5%) mentre nel 2021 si potrebbe verificare una contrazione pari al 2% (-3% sugli affitti). Dal 2022, tuttavia, il valore degli immobili potrebbe tornare a salire dell'1,8% (1,5% per gli affitti).

Citta Metr residenzia-2

Nella Città Metropolitana di Milano il prezzo degli immobili dovrebbe calare dello 0,3% nel 2020 (gli affitti del 2%), la contrazione dei prezzi potrebbe durare fino al 2022 per poi tornare a crescere dell'1,5% nel 2023.

Milano uffici-2

Secondo lo studio anche gli uffici potrebbero perdere valore: il 2,7 nel 2020 (-2,3% i canoni). La discesa potrebbe proseguire nel 2021 (-3,5% per i prezzi e -2,9% per i canoni). Il valore potrebbe poi crescere a partire dal 2022 (+0,1 per i prezzi) mentre i canoni si alzerebbero dello 0,5% solo a partire dal 2023.

"È probabile che, in parte, a 'soffrire' saranno comunque gli immobili con location meno privilegiate. In questi casi i prezzi risentiranno sia del calo dei canoni di locazione che dei rendimenti attesi più alti — si legge in una nota diramata alla stampa —. Nel medio termine, a cominciare dalle zone più centrali, l’effetto dovrebbe risultare sempre meno marcato fino a quasi scomparire". 

Per quanto riguarda il mercato degli immobili 'prime' (terziario cielo-terra, top location, di qualità superiore, con conduttori di livello primario) a Milano "il calo, anche nel breve termine, è relativamente contenuto e il ritorno alla situazione pre-crisi più veloce", fanno sapere gli esperti.

In Evidenza

I più letti della settimana

  • Bando Regione Lombardia: oltre 2,6 milioni di euro per le imprese che investono in e-commerce

  • Anche a Milano arrivano le bici olandesi di Swapfiets, modello "Netflix"

  • Linate riapre il 13 luglio con dieci voli all'ora: la decisione di Enac

  • Coronavirus: dopo il lockdown riapre l'Armani Hotel. E porta a domicilio lo chef

  • Università, il ministro e i rettori lombardi: a settembre si torna in aula

  • Milano, dopo il covid soldi per sostenere gli affitti e combattere la disoccupazione

Torna su
MilanoToday è in caricamento