Veleno Inter, Oriali: "Spero Branca che lavori per un'altra squadra". Branca: "Mi invidia"

"Se fosse vero spero che stia lavorando per il futuro di un'altra squadra, non dell'Inter", accusa Oriali. "Oriali? Non s'è occupato mai di mercato se non i primi 2 anni della mia gestione", risponde Branca

All'Inter quest'anno non sembra andarne bene una, neanche per quel che riguarda l'ambiente e meno male che i panni sporchi si lavano in famiglia. La lite a distanza tra Marco Branca e Gabriele Oriali è lo specchio della situazione in nerazzurro. "Stiamo lavorando già da tempo sul nostro futuro, lo stiamo pianificando per il bene dell'Inter, dei tifosi, e del mio presidente", aveva spiegato Marco Branca, a Sky. Il direttore tecnico dell'Interprosegue dettando i tempi: "Dobbiamo essere concentrati sul finale di stagione perchè possiamo fare bene. Mi prendo le mie responsabilità, le spiegazioni di questa stagione la darò alla fine magari con una conferenza stampa, ho sentito dire delle cose giuste e delle cose sbagliate. Io ora sono solo concentrato sul finale di campionato, voglio stare vicino alla squadra e i tifosi devono fare la stessa cosa perchè siamo a 8 punti dal terzo posto, tutte le squadre sono vicine, dobbiamo finire bene la stagione e poi vedremo, per le spiegazioni c'è tempo. L'impianto di squadra è stato meno brillante degli altri anni. Ma, allora, mi chiedo: cosa dovrebbero dire altre squadra che negli anni scorsi hanno fatto bene senza vincere nulla?". Branca non risparmia stoccate a Lele Oriali: "Anche quando era qua, lui non s'è occupato mai di mercato se non i primi 2 anni della mia gestione. Non conosceva le cose della società come le conoscevamo io e il mio presidente". Appunto Oriali. 

L'ex dirigente nerazzurro a Mediaset Premium, acoltate le critiche, ha rispedito subito tutto al mittente: "La cosa che mi preoccupa di più è che Branca ha detto che sta già lavorando per il prossimo anno: se fosse vero spero che stia lavorando per il futuro di un'altra squadra, non dell'Inter. Non so perchè sia uscito con queste dichiarazioni, perchè lui stesso sa che molte trattative le abbiamo condotte assieme, fino alla cessione di Ibrahimovic al Barcellona, che ha portato avanti il presidente, anche molto bene. Ma lo confermano anche gli stessi giocatori, come Lucio e Samuel, che mi ringraziano sempre per il fatto di essere approdati all'Inter: anche durante le trattative in entrata di Ibra e Vieira, io e Branca eravamo assieme in sede della Juventus, con il presidente bianconero".

"Branca, con tutti problemi che ha l'Inter e che lui ha contribuito a creare - ha continuato -, farebbe meglio a pensare a quello piuttosto di parlare di me, che da tifoso ho espresso delle critiche nei confronti della squadra. Penso che sia giusto dargli dei meriti quando l'Inter ha fatto bene - ma non era solo che gli piaccia o no -. Ora la realtà dei fatti dice che da due anni sta lavorando da solo e i risultati sono quelli che vedete. È stato contestato il presidente - ha aggiunto Oriali - e secondo me non ha molte responsabilità, perchè le risorse economiche le ha fornite ed evidentemente non sono state spese bene. Branca deve accettare le critiche e non pensare a rispondere a me, con i problemi che ci sono: forse invidiava un pò il mio rapporto anche con gli allenatori, da Mancini a Mourinho. Ha anche detto che non ero nemmeno un dirigente dell'Inter: al contrario, ero nel censimento e firmavo documenti ufficiali", ha concluso

Potrebbe interessarti

  • A Milano gli rubano la bici con cui sta viaggiando per il mondo, l'appello: "Aiutatemi"

  • Intolleranza al lattosio: come riconoscerla

  • Come avere i finanziamenti per riqualificare energeticamente la casa a Milano

I più letti della settimana

  • Appena arrivato a Malpensa inizia a tremare: muore 28enne 'mulo' del narcotraffico

  • Milano, due fratelli morti in una casa a Baggio: uno ucciso a coltellate, un altro impiccato

  • Morto il fumettista milanese AkaB, Gabriele Di Benedetto: aveva solo 43 anni

  • Milano, dramma a Rogoredo: ragazza di 28 anni muore travolta da un treno in stazione

  • La notte folle di un uomo: fa sesso con una prostituta, poi ‘spara’, la rapina e si accoltella

  • Incidente a Zibido, si schianta alla rotatoria e l'auto si ribalta più volte: morto un 32enne

Torna su
MilanoToday è in caricamento