Basket, l'ala dell'Olimpia Christian Burns assolto dall'accusa di doping

Il tribunale antidoping ha prosciolto Burns dalle accuse: era risultato positivo a un anabolizzante

Christian Burns (sulla sinistra con la maglia dell'Italia) durante un'azione con Maciej Lampe (destra) durante la coppa del mondo Fiba 2019. (foto EPA/Adam Warzawa POLAND OUT)

È stato prosciolto dal tribunale nazionale antidoping dall'accusa di aver utilizzato sostanze dopanti Christian Burns, ala dell'Ax Armani Milano che era stato trovato positivo a un metabolita di Clostebol (anabolizzante) al termine della gara contro l'Alma Trieste del 12 maggio 2019.

Attraverso un comunicato la società ha reso noto che "la sospensione cautelare è stata sollevata", e che il cestista tornerà disponibile per l'attività agonistica. 

"Siamo felici che Christian, un membro della nostra famiglia, abbia potuto dimostrare la propria innocenza — ha commentato il general manager dell’Olimpia Christos Stavropoulos — e che possa adesso mettersi questo antipatico episodio alle spalle, riprendendo la propria professione con rinnovato entusiasmo".

Chi è Christian Charles Burns

Nato a Trenton, nel New Jersey, il 4 settembre 1985, Christian Burns ha cominciato a giocare alla Hamilton High School di Hamilton nel New Jersey dove nella sua ultima stagione è stato giocatore dell’anno della Mercer County e terzo quintetto dello stato. La sua carriera a livello di college è cominciata a Quinnipiac nel 2003 ma dopo due anni si è trasferito alla Philadelphia University. Nel suo secondo anno, 2006/07, ha fatto incetta di trofei individuali tra cui quello di giocatore dell’anno di Division II, con medie di 21.7 punti, 11.2 rimbalzi e 2.1 stoppate per gare. 

Non scelto nei draft NBA del 2007, ha poi giocato in Polonia (AZS Koszalin), Portogallo (FC Porto), Germania (Ulm), Ucraina (Ferro Zaporozhye) e Israele (Elitzur Netanya) con il debutto in Italia nel 2012/13 a Montegranaro. L’anno successivo ha giocato in Russia (Enisey Krasnoyark), poi nella Repubblica Ceca (Nymburk dove ha vinto il titolo nazionale), negli Emirati Arabi (Al Wasl) e infine il ritorno in Italia prima a Brescia e poi a Cantù. È arrivato a Milano nel corso dell'estate del 2015 dove gioca nel ruolo di "Ala forte".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, incidente in viale Fulvio Testi: uomo travolto e ucciso dal tram della linea 31

  • I politici romani prendono in giro l'albero di Milano: "Che schifo il vostro ferracchio"

  • "Puoi spostarti?": ragazza prende a schiaffi un uomo sull'autobus Atm, ma lui è sordomuto

  • Milano, uomo trovato morto sul marciapiedi: sul posto la scientifica

  • Milano, la figlia neonata di una detenuta non respira: agente della penitenziaria la salva così

  • Incidente in autostrada A4 tra Agrate e la Tangenziale Est: nove chilometri di coda

Torna su
MilanoToday è in caricamento