Ibra al Milan, passi avanti: Raiola vede i dirigenti del Diavolo a Milano

Il procuratore del calciatore svedese ha incontrato Maldini, Boban e Massara giovedì mattina

Ibrahimovic con la maglia del Milan

Procede la trattativa per riportare al Milan l'attaccante 38enne Zlatan Ibrahimovic nel mercato di gennaio 2020. Il fuoriclasse svedese è stato svincolato dal Los Angeles Galaxy e nutre un ottimo ricordo della sua precedente esperienza in rossonero. Nella mattinata di giovedì, il suo procuratore Mino Raiola si è recato alla sede del club milanista in via Aldo Rossi per incontrare i dirigenti della società, ovvero Paolo Maldini, Zvonimir Boban e Ricky Massara.

Nulla è ancora definito. I margini di manovra sono ancora da chiarire e, certamente, le parti si incontreranno ancora nei prossimi giorni. Tra l'altro, Raiola è procuratore anche di diversi calciatori rossoneri: Donnarumma, Bonaventura, Suso e Romagnoli. E quindi, soprattutto per i contratti dei primi due, avrà diversi contatti col Milan da qui a qualche mese.

La "bomba" del ritorno di Ibra in rossonero era stata lanciata qualche settimana fa direttamente dagli Stati Uniti. L'addio risale al 2012, con il trasferimento dello svedese al Paris Saint-Germain: da quel momento, di fatto, praticamente in ogni sessione di calciomercato si parla del suo ritorno col Diavolo. Ma, finora, la cosa non si era mai concretizzata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ubriaco fradicio alla guida, accosta e ferma i vigili: "Documenti grazie, devo farvi la multa"

  • Milano, incidente in via Trevi: Smart si ribalta e piomba dentro al negozio di kebab, un morto

  • Incidente fra tre camion sull'A4, autostrada chiusa e traffico in tilt: i percorsi alternativi

  • Milano, festino a base di cocaina, hashish e marijuana nell'hotel di lusso: arrestato 32enne

  • Margherita, Capricciosa e droga: arrestato titolare di una pizzeria, spacciava nel locale

  • Riapre corso Plebisciti: via libera alle auto dal 29 gennaio, come cambiano i mezzi Atm

Torna su
MilanoToday è in caricamento