Inter campione d'Italia: 3 a 0 con il Siena

Diciassettesimo scudetto per l'Inter, vinto già sabato grazie alla sconfitta del Milan. Show di Ibrahimovic e poi grande festa con il Presidente Moratti sia ad Appiano Gentile che in Duomo: una Milano nerazzurra per una notte

Il diciassettesimo scudetto era già arrivato grazie alla sconfitta di sabato del Milan, c’era però da onorare la festa davanti ai tifosi. E così è stato perché l’Inter ha vinto 3 a 0 davanti a uno stadio Meazza vestito di nerazzurro. La ciliegina sulla torta richiesta da Mourinho arriva e Ibrahimovic segna il ventunesimo gol.

La partita è quasi una formalità, anche se il Siena colpisce due legni, si gioca soprattutto per rimpolpare lo score personale di Zlatan, come a fine partita confermerà Mourinho. A sbloccare il risultato ci pensa Cambiasso a un minuto dal termine del primo tempo, ribadendo in rete una respinta di Curci. Il raddoppio è firmato Balotelli ma il momento più atteso è il 31’ del secondo tempo: Ibrahimovic di sinistro buca i senesi e fa esplodere i tifosi. Esultanza contenuta dello svedese e il perché è presto svelato: Zlatan chiede più volte il cambio perché stizzito dall’egoismo di Balotelli. E Mourinho a fine partita bacchetterà proprio il giovane nazionale Under 21.

Il triplice fischio dà il via libera ai festeggiamenti bis in campo e sugli spalti e il primo tifoso e Presidente non riesce a contenere la sua gioia: “La nostra capacità di creare pathos anche in momenti del genere – ha detto Massimo Moratti – è straordinaria. Per fortuna poi Ibra ha segnato, io sono contento che lui sia così, con grande personalità. La nostra stagione è stata fantastica, per vincere la Champions credo ci voglia meno ansia. Il prossimo mercato sarà rigoroso, non si possono fare investimenti di un certo tipo.

Milito? Ancora non è nulla di deciso. Mourinho ci ha dato una mentalità vincente, era difficile ritrovare entusiasmo dopo le vittorie con Mancini”. Proprio lo Special One si concede ai microfoni nel dopogara: “Una festa senza vittoria non sarebbe stata tale, perciò era importante vincere. I momenti difficili di questa stagione esaltante sono stati gli infortuni e la sconfitta con l’Atalanta. Per il resto siamo stati sempre molto concentrati. Ora vogliamo che Zlatan vinca la classifica cannonieri, è un obiettivo della squadra non personale, ecco perché mi sono arrabbiato con Balotelli. Lui però è così, è un giocatore naif”.

A conclusione le dichiarazioni del giocatore più decisivo del campionato, Ibrahimovic, ancora con un futuro incerto: “Sono molto contento, per me è il quinto titolo consecutivo. Mario ha fatto gol altrimenti l’avrei ammazzato, poi ho segnato anch’io quindi tutto è andato per il meglio”. Sulle voci di un corteggiamento del Barcellona, le dichiarazioni finali mettono i brividi ai tifosi nerazzurri: “Sul mio futuro non si può dire niente, ci sono ancora altre due partite, poi vedremo”.

 Al Duomo parte la festa ma anche sulle ramblas si celebra lo scudetto.
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'allarme dei medici di Milano: "Prepararsi a stagione influenzale o sarà crisi"

  • Milano, folle abbandona la mamma sull'A7, poi picchia un tranviere e si mette a guidare il tram

  • Accoltellato sull'autobus a Milano, 23enne gravissimo in ospedale

  • Follia alla Darsena: due ragazzi gettano in acqua un venditore di rose e poi scappano

  • Coronavirus, nuovo decreto su mascherine, discoteche e voli: che cosa (non) cambia dal 14 luglio

  • Milano, niente più mascherina all'aperto se si rispetta la distanza di sicurezza

Torna su
MilanoToday è in caricamento