menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Milan, ecco il sogno per il prossimo anno: Totti e Ibrahimovic insieme in rossonero

L'indiscrezione pubblicata dal Corriere dello Sport in edicola giovedì: il nuovo mister sarebbe Eusebio Di Francesco, che il capitano della Roma conosce bene. E Ibra è il solito sogno

I due attaccanti del Milan del futuro?

L’unica certezza è che, in un modo o nell’altro, a San Siro sono entrambi di casa. Uno ci ha giocato, e divinamente, per cinque anni, anche se con due maglie diverse. L’altro ha dato spettacolo alla Scala del calcio almeno una volta a stagione negli ultimi ormai venti anni. Ora, almeno secondo le indiscrezioni pubblicate da Guido D’Ubaldo sul Corriere dello Sport in edicola giovedì, il sogno di qualcuno sarebbe farli esibire insieme, con la stessa maglia. 

Sarebbero Francesco Totti e Zlatan Ibrahimovic i due grandi sogni di mercato di un Milan che sta già pensando alla prossima stagione e che è desideroso di tornare ai livelli che gli competono. L’operazione è difficile, per non dire impossibile, e probabilmente anche sconsigliata dalla carta d’identità dei due - Ibra 35, Totti 39 -, ma potrebbe esserci un fattore pronto a sparigliare le carte in tavola. 

Il nome della “variabile” è quello di Eusebio Di Francesco, l’attuale allenatore del Sassuolo, che - secondo il Corsport - il prossimo anno sederà sulla panchina del Milan al posto dell'ormai sfiduciato Sinisa Mihajlovic. Il tecnico e Totti, sempre più in rottura con la Roma dopo le liti con Luciano Spalletti, hanno giocato insieme nella Capitale e il mister sarebbe felice di poter unire di nuovo la sua strada a quella del Pupone. Ibra, che ha già annunciato la volontà di lasciare Parigi a fine anno, è invece un desiderio che ritorna puntuale per la società rossonera ad ogni sessione di mercato. 

A gettare acqua sul fuoco - nonostante nel calciomercato non si possa mai dire mai - ci ha pensato, però, il presidente Silvio Berlusconi, che ai microfoni di Tele Radio Stereo ha ridotto a zero le possibilità. 

"È impossibile per entrambi - ha detto il numero uno di via Aldo Rossi -. Per Totti perché le bandiere non si comprano, per Ibrahimovic perché riceverà delle offerte impossibili da eguagliare dalla Cina o dagli Emirati”. 

Per i tifosi rossoneri, soprattutto in un anno difficile come questo, sognare però non costa nulla. 

Potrebbe interessarti

Commenti

    Più letti della settimana

    • Cronaca

      Ucciso a coltellate fuori dal kebab: arrestato il killer, è il cugino della vittima

    • Cronaca

      Sciopero Trenord, Trenitalia e Italo il 24 e 25 maggio: stop di 21 ore ai treni e rischio caos

    • Cronaca

      Tromba d'aria con forte grandine tra Sudmilano e alto Pavese

    • Cronaca

      Sciopero treni, 21 ore di stop per Trenord, Trenitalia e Italo: orari e fasce di garanzia

    Torna su