Pioli, nuovo allenatore del Milan: "Intensi e spregiudicati, dobbiamo arrivare in Champions"

Il tecnico rossonero stila gli obbiettivi

''Dobbiamo cercare di andare in Champions''. Il nuovo allenatore del Milan, Stefano Pioli, si allinea al pensiero dell'ad Ivan Gazidis, sulla possibilità dei rossoneri di raggiungere un posto tra le prime quattro già in questa stagione.

Il tecnico parmense è stato presentato mercoledì.

''Io penso sempre positivo - aggiunge Pioli durante la conferenza di presentazione - e lotteremo insieme per raggiungere i migliori risultati possibili e di questo devono essere convinti anche i giocatori. Il passato del Milan è glorioso e il presente deve essere all'altezza delle nostre possibilità, le difficoltà vanno affrontare e superate''.

"Mi preparo a questa avventura con grande entusiasmo, grande passione e grande convinzione. So di essere stato chiamato da un grande club, uno dei più prestigiosi al mondo. Sono sicuro di poter fare un ottimo lavoro perché abbiamo una buona squadra e dei buoni giocatori. Vorrei fare giocare un calcio che piaccia alla squadra, un calcio positivo e divertente per far rendere al massimo i giocatori. Un calcio di qualità e intensità. Tanto passerà dall'atteggiamento e dal rendimento della difesa, poi dall'aggressione in avanti e dal recupero palla. Mi sento maturo, sono un professionista che ha grande voglia di far bene al Milan", ha detto ancora davanti ai giornalisti.

"Intensità e spregiudicatezza"

"Le mie nuove idee, che sono diverse da quello di Giampaolo, dovrò essere bravo a trasmetterle bene e in fretta. Le mie parole d'ordine sono: idee, intensità e spregiudicatezza. Le caratteristiche dei miei giocatori sono adatte al mio modo di giocare a calcio. Dovrò lavorare su tutto: dalla testa dei calciatori alla disposizione in campo. I prossimi giorni saranno molto importanti per essere il più pronti possibile in vista di Milan-Lecce. Mi interessano poco i numeri, l'importante è avere un'identità precisa. Adesso guarderò più il Lecce rispetto alle gare giocate dal Milan in passato, anche perché mancheranno diversi giocatori che sono in Nazionale. Dobbiamo prepararla al meglio. Dobbiamo vincere".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quando si azzerano i contagi a Milano e in Lombardia: le prime previsioni

  • Coronavirus, quando finisce quarantena? "Le misure saranno allungate oltre 3 aprile"

  • Coronavirus: contagi in calo in Lombardia, ma 458 morti in un giorno. A Milano 3.560 positivi

  • Coronavirus, per la Regione "dati confortanti" ma la crescita dei contagi (e dei morti) è senza fine

  • Violente risse nella notte: uomo trovato con avambraccio squarciato

  • Coronavirus, ecco l'applicazione per il cellulare: "Vi chiediamo di scaricarla tutti"

Torna su
MilanoToday è in caricamento