Insulti e ululati contro il cestista di colore, i compagni dicono basta: "Non giochiamo più"

La rabbia degli atleti dei Bionics: "Da ora al primo insulto razzista ci fermiamo". La storia

Joao - Foto da Instagram

Una decina di anni fa aveva lasciato il calcio perché stanco di sentire sempre le stesse parole. Neanche su un campo più piccolo, però, la situazione è migliorata. Anzi, le parole sono diventate sempre più pesanti partita dopo partita, tanto che i suoi compagni hanno deciso di dire basta insieme a lui. 

Sono arrabbiati, frustrati, i giocatori dei "Bionics", la squadra di basket di Buccinasco che milita nel campionato serie C2 silver. A indignarli, a far loro male, sono gli insulti e gli ululati che uno di loro - Joao Kisonga, centro di trentatré anni - è costretto ad ascoltare nei palazzetti per il colore della sua pelle. 

L'ultimo episodio, racconta Francesca Grillo su "Il Giorno", è avvenuto venerdì scorso: 

Dagli spalti il razzismo si è trasferito sul parquet: a insultare Joao, centro tutto sportellate e rimbalzi, è stato infatti un giocatore del Basket Rovello, "maglia 27", ricorda il capitano dei Bionics, Lorenzo Prataviera. 

A quel punto, ormai stanchi, i compagni del numero 22 - uno in meno del suo mito Lebron James - si sono fermati per protesta. Poi, dopo aver portato a termine la partita, hanno preso carta e penna e hanno scritto alla federazione e alla commissione arbitrale. Semplicissimo e chiaro il messaggio, "sposato" anche dal presidente Angelo Gottani: "Al prossimo episodio di razzismo ci fermiamo e non giochiamo più". 

Anche perché gli insulti di sabato non sono stati i primi. Era già successo due anni fa a Morbegno - la società aveva ricevuto una multa di 600 euro e la squalifica del campo - ed era successo ad Agrate. Al ritorno, contro i brianzoli, il palazzetto di Buccinasco era stato tappezzato di striscioni "Non vogliamo razzisti in casa nostra", ma l'arbitro aveva chiesto di toglierli. 

Venerdì è capitato di nuovo e adesso è arrivato il momento di dire basta davvero. "I bambini come potranno imparare il rispetto se gli adulti si comportano così? - le parole dello stato Joao a Il Giorno -. Bisogna alzare la voce e dire basta, soprattutto per loro. Ci vogliono punizioni esemplari. Io, intanto, seguo il mio motto: non ti curar di loro, ma guarda e schiaccia". Sperando di schiacciare anche gli insulti. 

Foto: Joao coi compagni dei Bionics

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

joao buccinasco-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'allarme dei medici di Milano: "Prepararsi a stagione influenzale o sarà crisi"

  • Milano, folle abbandona la mamma sull'A7, poi picchia un tranviere e si mette a guidare il tram

  • Covid, nuova ordinanza sulle mascherine in Lombardia: quando è obbligatoria, quando no

  • Orrore a Milano, stuprata in pieno giorno sul Monte Stella: indaga la polizia

  • Accoltellato sull'autobus a Milano, 23enne gravissimo in ospedale

  • Follia alla Darsena: due ragazzi gettano in acqua un venditore di rose e poi scappano

Torna su
MilanoToday è in caricamento