Milan, una qualificazione sudata agli ottavi di Champions

Doveva essere una passeggiata di salute nell’amica Zurigo ma così non è stato. Il Milan trova la qualificazione agli ottavi di Champions League ma sudando. Galliani: “Speriamo di non trovare il Chelsea di Ancelotti al sorteggio”

Doveva essere una passeggiata di salute nell’amica Zurigo ma così non è stato. Il Milan trova la qualificazione ma deve sudare maledettamente. Si perché lo Zurigo si dimostra non tanto amico (4 punti in due partite per gli elvetici nei confronti diretti) e solo grazie a un pareggio si va avanti. Il Milan si riscopre modesto, non più quello schiacciasassi delle ultime partite e per trovare l’uno a uno finale deve aggrapparsi a un calcio di rigore. Intanto il Real Madrid (loro sì amici…) vinceva a Marsiglia e tranquillizzava il popolo rossonero.

Il match disputato dai rossoneri ha ripresentato antichi problemi e vecchie lacune: troppa distanza tra i reparti, troppi errori, troppe disattenzioni difensive. Per andare avanti nella competizione bisognerà ritrovare spirito di squadra e convinzione nei propri mezzi.

Leonardo presenta Antonini e Abate sulle fasce e deve fare a meno di Thiago Silva dopo venti minuti per infortunio. Ma è l’atteggiamento della squadra troppo sbagliato per essere vero. Molli, impacciati, statici, i rossoneri si fanno imbrigliare da una squadra modesta che all’andata aveva già vinto a San Siro.

E alla mezzora lo Zurigo passa su calcio piazzato: Gajic infila sul palo di Dida con uno splendido sinistro. Lo Zurigo potrebbe addirittura raddoppiare ma il portiere brasiliano compie una prodezza. Per fortuna le cose cambiano nel secondo tempo. Il Milan prova a schiacciare i padroni di casa alla ricerca del pari ma manca la brillantezza dei giorni migliori.

Così ci vuole un penalty, nettissimo, per raddrizzare le cose. Ronaldinho trasforma al 19’ il rigore concesso per atterramento di Borriello. Lo Zurigo resta anche in inferiorità numerica, i rossoneri gestiscono una partita con fin troppi patemi. Ne è consapevole anche mister Leonardo: “Abbiamo sofferto troppo, avevamo molti giocatori non in condizione e loro hanno giocato senza nulla da perdere.

Comunque anche con una vittoria saremmo arrivati secondi, quindi dobbiamo recriminare soprattutto sulla partita di andata”. Infine l’augurio di Galliani: “Spero proprio di non trovare il Chelsea nel sorteggio”.
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, 'paziente covid positivo' attraversa la città con flebo e ossigeno: la performance

  • Milano, folle abbandona la mamma sull'A7, poi picchia un tranviere e si mette a guidare il tram

  • Milano, ancora spari in via Creta: ragazzo di 32 anni gambizzato durante la notte, le indagini

  • Lo spettacolo della cometa Neowise, visibile a occhio nudo sopra Milano

  • Bollettino contagi coronavirus: a Milano trovate sei persone positive, 16 nella città metropolitana

  • H&M chiude a Milano, lavoratori trasferiti ad Ancona (e non solo): "Non ci fanno rientrare"

Torna su
MilanoToday è in caricamento