Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

A 47 anni dalla morte di Calabresi: "Milano pagò prezzo altissimo, lui fu un eroe"

 

"Furono anni difficili, in cui anche Milano ha pagato un prezzo altissimo con uomini dello Stato uccisi barbaramente solo per aver servito la collettività. Garantisco solo che Calabresi sarà sempre presente nei nostri ricordi e nei nostri cuori".

Sono queste le parole del questore di Milano Sergio Bracco nelle commemorazioni, venerdì mattina, dell'omicidio del commissario Luigi Calabresi e della strage di via Fatebenefratelli, avvenuta il 17 maggio 1973, un anno dopo l'assassinio del funzionario; proprio mentre si svolgeva la cerimonia in sua memoria, una bomba fece quattro morti e cinquanta feriti. 

"Calabresi venne assassinato perchè ritenuto responsabile - fatto che si rivelò infondato - della morte dell'anarchico Giuseppe Pinelli", ha ribadito il questore. 

"Furono anni difficili per Calabresi - ha proseguito il questore -, che lavorò fino all’ultimo giorno in una condizione di grande solitudine. Calabresi per noi resta un esempio, una delle più fulgide ed eroiche figure della polizia di Stato".

Sul medesimo tenore le parole di Michele Brambilla, direttore QN: "Io facevo la terza media - ha detto - e ho un ricordo nitido di quel giorno, mio padre era sconvolto e disse: “Hanno ucciso un poliziotto, ma dove siamo arrivati?”. Perché c’era una sorte di codice d’onore, anche la malavita non toccava i poliziotti. Erano anni di odio, con una scia di morti incredibili. Al processo la sensazione più forte era quella di una famiglia sola, quella del commissario. Calabresi è stato ucciso due volte: il giorno dell’omicidio ma prima dalla più violenta campagna di stampa che si ricordi in Italia. Si disse e si fece credere che Calabresi fosse responsabile della morte di Pinelli. Oggi per fortuna quella stagione di odio è passata, si è aperta una via di conciliazione, di pace perché il tempo è galantuomo, come galantuomo era Calabresi".

Alla commemorazione ha partecipato anche Mario, figlio di Calabresi ed ex direttore di Repubblica. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
MilanoToday è in caricamento