Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Milano, coperte termiche in Duomo per ricordare i 368 profughi morti nel naufragio del 3 ottobre 2013

Volontari in piazza per l'iniziativa del gruppo #ioaccolgo nella Giornata nazionale delle vittime dell'immigrazione: "Ora si cambino le politiche introdotte dai due decreti Salvini"

 

Canali d'ingresso regolari per l'Europa, annullamento degli accordi con la Libia e soprattutto non lasciare più morire qualcuno in mare. Sono le richieste del gruppo #ioaccolgo, che giovedì 3 ottobre (Giornata nazionale delle vittime dell'immigrazione) ha manifestato in piazza Duomo a Milano distribuendo coperte termiche in ricordo delle 368 vittime del naufragio avvenuto proprio il 3 ottobre 2013.

Tra i manifestanti anche un nutrito gruppo di richiedenti asilo provenienti dall'Eritrea, che hanno protestato chiedendo al governo italiano di interrompere ogni rapporto diplomatico e commerciale con il dittatore eritreo Isaias Afewerki. "Non solo in Libia, ma anche da noi ci sono persone imprigionate e torturate. L'Italia è stata in Eritrea per 65 anni, sa bene qual è la realtà del nostro paese. Perché allora si rende complice di un dittatore?"

Potrebbe Interessarti

Torna su
MilanoToday è in caricamento