Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Milano, feste e occupazioni abusive nelle case popolari nonostante il coronavirus: "Anziani in balia delle bande"

La denuncia della consigliera regionale PD Carmela Rozza dopo la maxi grigliata di Pasqua in un cortile di via Bolla: "Sputavano addosso ai residenti che protestavano. Episodi simili anche in via Zamagna e in via dei Cinquecento"

 

Anziani ostaggio di vere e proprie bande di delinquenti, maxi grigliate nonostante i divieti Covid e sputi a chi tenta di denunciare gli assembramenti nei cortili. È la realtà delle case popolari di Milano al tempo del Coronavirus: centinaia di residenze Aler e MM nelle quali gli abitanti sono abbandonati a loro stessi e dove ormai la fa da padrone il più forte.

A denunciare questa situazione è la consigliera regionale del Partito Democratico Carmela Rozza, che in collegamento telefonico con Milano Today racconta quel che sta accadendo in contesti come quelli di via Bolla, via Zamagna e via dei Cinquecento, già normalmente circondati dal degrado.

"La domenica di Pasqua le forze dell'ordine sono dovute intervenire tre volte di seguito a causa della maxi grigliata di alcune famiglie appartenenti a veri e propri gruppi di delinquenti - spiega la consigliera - La Polizia arrivava e loro, dopo poco ricominciavano a fare festa. Così per tutto il giorno. Ci sono anziani che denunciano situazioni preoccupanti. Dicono di essere ostaggio di questi criminali che spadroneggiano nei cortili e nei palazzi delle case popolari. Se qualcuno prova a ribellarsi diventa oggetto di minacce, insulti e sputi. Oltre a questo ci sono casi molto gravi di persone che hanno occupato abusivamente appartamenti rimasti vuoti perché l'anziano che ci abitava è morto per Covid. Sappiamo per certo che è già accaduto in via dei Cinquecento, me si tratta di un allarme reale anche in altri quartieri popolari".

Potrebbe Interessarti

Torna su
MilanoToday è in caricamento