Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Milano, decine di persone salgono su un bus tutte insieme: il video

Il video su Facebook mostra numerose persone in attesa di un bus della linea 67 a Baggio, che poi salgono tutte insieme

 

Il bus 67, direzione piazzale Baracca, si accosta alla fermata di via delle Forze Armate nei pressi del civico 363, a Baggio.

Alla fermata attendono numerose persone. Il video (pubblicato sui social) parla da solo. Tutti salgono sul bus, che quindi si riempie e riparte verso il centro di Milano. Contando a spanne, si può immaginare che il bus non fosse esattamente strapieno alla ripartenza. Dovrebbe infatti garantire il trasporto di una quarantina di persone rispettando la distanza di sicurezza di almeno un metro tra un passeggero e l'altro, e le persone che sono salite sono alcune di meno.

Osservando bene le persone in attesa, molte hanno in mano un sacchetto di plastica bianco. Vi è quindi l'ipotesi che si tratti di senzatetto appena arrivati dalla mensa delle suore missionarie della carità (la congregazione fondata da Madre Teresa di Calcutta), che distribuiscono pasti con sacchietti nella sede di via delle Forze Armate 379. La fermata del bus è la più vicina alla sede delle suore per chi deve tornare verso il centro. Il video, tuttavia, secondo le informazioni fornite a MilanoToday sarebbe stato girato sabato 11 aprile, di mattina, in un orario incompatibile con l'apertura della mensa delle suore, che in questo periodo distribuisce i sacchetti nel pomeriggio di lunedì, martedì, mercoledì, venerdì e sabato e la mattina di domenica.

Un mese dal "lockdown", gli assembramenti continuano

Il punto non è però chi siano e che cosa facciano coloro che affollano la fermata e il bus (peraltro, se fossero realmente senzatetto, nessuno darebbe loro una qualche colpa); il punto è che cosa si possa fare per prevenire, in generale, una situazione di affollamento sui mezzi pubblici. Il fatto è che, dopo più di un mese dal primo "lockdown" dell'8 marzo e dopo un mese e mezzo dall'inizio dell'emergenza sanitaria da Coronavirus, non pare che il problema dell'affollamento dei mezzi pubblici a Milano sia stato risolto. 

Un tentativo di Atm è stato fatto sulle metropolitane, con l'aumento delle corse dei treni (precedentemente diminuiti in modo drastico) e il controllo ai tornelli. Sui mezzi di superficie sembra invece che una soluzione non sia ancora arrivata. Qualche settimana fa i sindacati dei lavoratori di Atm avevano invitato i propri aderenti a fermare il mezzo e chiamare le forze dell'ordine in caso di assembramento eccessivo.

Potrebbe Interessarti

Torna su
MilanoToday è in caricamento