Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attenti solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Milano, Fontana mangia i ravioli cinesi in via Paolo Sarpi contro la fobia Coronavirus

Il presidente della Regione Lombardia incontra il console generale cinese Song Xuefeng alla Chinatown milanese e sulla lettera dei 4 governatori leghisti chiarisce: "Nessun razzismo, solo una richiesta di buon senso"

 

Attilio Fontana visita la Chinatown di Milano e chiarisce la polemica della lettera con la quale i governatori (tutti leghisti) chiedevano un periodo di astensione di 14 giorni dalle lezioni per gli alunni di rientro dalla Cina.

"Non c'era alcun intento razzista in quella richiesta - spiega Fontana - Si tratta solo di buonsenso e di evitare che il contagio si possa diffondere, tant'è che il ministero della Salute stesso sta valutando la richiesta". 

Fontana ha anche incontrato il console generale della Cina Song Xuefeng con il quale ha passeggiato lungo via Paolo Sarpi fermandosi per uno spuntino a base di ravioli al vapore in uno dei negozi della Chinatown. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
MilanoToday è in caricamento