Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Slogan contro il decreto Sicurezza e i centri di permanenza e rimpatrio: "Chiediamo al sindaco un atto di coraggio"

 

"Chiediamo al sindaco un atto di coraggio - ha spiegato Anna Camposampiero, portavoce della rete No Cpr, durante le proteste in piazza della Scala contro il decreto Sicurezza - perché non applichi il 'decreto Salvini' a Milano e osservi gli otto punti che intendiamo consegnargli, che vanno dall'iscrizione all'anagrafe dei richiedenti asilo, alla rinuncia ai daspo e alla dotazione di taser agli agenti della Polizia Municipale. Le pentole e i campanacci? Ci siamo ispirati ai cacerolazos latino-americani. Loro utilizzavano pentole e coperchi, noi lasciamo libera autonomia e ognuno usa quello che gli è più consono. L'obiettivo è dare una 'svegliata' al sindaco, che faccia un atto di coraggio: dopo le parole i fatti".

Potrebbe Interessarti

Torna su
MilanoToday è in caricamento