Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Protestano i riders sotto Palazzo Marino: "Non abbiamo nessun diritto, siamo solo sfruttati"

 

"Né contratto di lavoro, né assicurazione. Una vita lavorativa governata da una app sul telefono: con quella ti assumono, ti licenziano, ti danno un ordine". Hanno protestato sotto Palazzo Marino i riders che lamentano uno stato continuo di sfruttamento mentre quotidianamente rischiano la vita per fare in fretta, per consegnare il cibo ancora caldo, per prendere un nuovo ordine e guadagnare alcuni spiccioli in più.

Dopo il terribile incidente di giovedì 17 maggio quando un fattorino si è schiantato frontalmente contro un tram costretto all'amputazione della gamba destra, la categoria ha detto basta: "Consegnare il cibo è un lavoro: vogliamo diritti, salario adeguato, contratti e il rispetto delle minime norme di sicurezza".

L' Unione Sindacale di Base chiede che venga a cessare questo moderno caporalato, che venga istituito un salario minimo contrattuale per i riders e ritmi di lavoro normati e umani, oltreché un regolamento e l'applicazione del CCNL della logistica e del trasporto per far uscire dal sommerso questi lavoratori, che quotidianamente rischiano la vita.

Potrebbe Interessarti

  • Milano, pullman Atm investe una 28enne che attraversa sulle strisce: illesa per miracolo

  • Maxi rissa in via Lorenteggio: calci, pugni e lanci di sedie vicino al Vodafone village

  • Le ladre della metro contro il ragazzo che le filma: "Mongoloide africano, ti spacco la testa". Video

  • Accoltellata alla gola in centro a Milano: il racconto della donna che l'ha salvata

Torna su
MilanoToday è in caricamento