Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La casa di riposo a Milano con zero contagi: "Abbiamo chiuso tutto subito"

Nella casa di riposo a Porta Romana nessun anziano è stato contagiato dal virus grazie alle precauzioni prese dalla dirigenza: un modello virtuoso che dimostra quanto la "strage silenziosa" dei residenti si potesse evitare

 

Lockdown immediato, mascherine per tutti e operatori sanitari chiusi nella residenza insieme agli anziani. È il caso virtuoso della Domus Patrizia di Milano, la Rsa che, diversamente al contrario di molte realtà cittadine, ha registrato zero casi di Covid tra i suoi ospiti.

A parlarne è la responsabile della struttira, Manuela Massarotti, che spiega in collegamento Skype con Milano Today come sia stato possibile evitare che il temuto Coronavirus entrasse all'interno della sua Rsa. "Quando ho sentito quel che stava accadendo a Codogno ho subito preso una decisione - spiega la dirigente -. Chiudere immediatamente la residenza: nessuno entrava né tanto meno usciva. Abbiamo poi reperito mascherine e dispositivi di protezione per tutti, prendendo le temperature quotidianamente sia agli ospiti sia agli operatori sanitari. Inoltre abbiamo chiesto alla ditta che ci fornisce il personale infermieristico se c'erano operatori disposti a chiudersi all'interno della Rsa per tutta la durata del lockdown e fortunatamente ci sono stati 16 'angeli' che tuttora sono qui con noi per prendersi cura degli anziani".

Riguardo a quanto accaduto al Pio Albergo Trivulzio e in altre strutture di Milano, la dirigente non si sbilancia, confermando tuttavia che anche alla Domus Patrizia era pervenuta la richiesta da parte della Regione Lombardia di ospitare pazienti Covid dimessi dagli ospedali. "La delibera è arrivata anche a noi, ma ci siamo rifiutati perché la nostra struttura non era adatta a garantire le cure necessarie. Non voglio giudicare quanto accaduto in altre Rsa, non è mia competenza, ma posso solo dire che fin da subito mi è stato chiaro che l'unica soluzione per evitare che il Coronavirus entrasse nelle nostre stanze era fare un lockdown immediato".

Potrebbe Interessarti

Torna su
MilanoToday è in caricamento