Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coronavirus, Sala "traina" (con calma) Milano: "C'è voglia di ripartenza, ma sarà ancora lunga"

Le parole del primo cittadino nel consueto video messaggio

 

Non più una Milano che non si ferma - uno slogan sbagliato, per sua stessa ammissione -, ma una Milano che riparte. E poi un aiuto per chi è più in difficoltà e un occhio di riguardo per anziani e bambini. 

Il sindaco di Milano, Beppe Sala, ha parlato a 360 gradi dell'emergenza Coronavirus nella sua città nell'ormai classico "buongiorno da palazzo Marino", il video messaggio che il primo cittadino pubblica ogni mattina sui suoi canali social. 

"Oggi si comincia a respirare un'aria diversa, c'è più voglia o addirittura necessità di parlare di ripresa, di ripartenza", ha detto Sala, "anche se è ovvio che nessuno ignora il fatto che siamo in una situazione molto complessa". 

"Siamo in una fase in cui c'è più consapevolezza delle proprie difficoltà - ha sottolineato -. «Riuscirò a pagare l'affitto che è alto? Ho perso un lavoro o rischio di perderlo, faccio fatica a far la spesa», ecco - ha continuato Sala parlando ai suoi concittadini più bisognosi -, la mia promessa è che noi siamo qui per pensare a chi è in più difficoltà e e vi garantisco che dal primo giorno abbiamo lavorato in questo senso". 

"Sarà lunga l'abbiamo detto, presumibilmente un anno perché questo sarà il tempo necessario per avere un vaccino per tutti - ha proseguito il sindaco -. Nel frattempo bisogna modulare la nostra esistenza e i nostri comportamenti, ponendo attenzione a due fasce: gli anziani e i bambini". 

"Da tutto ciò noi non possiamo evadere, dobbiamo trovare una interpretazione intelligente nel rispetto delle regole e di una vita cambiata", ha concluso il sindaco, che martedì mattina ha osservato un minuto di silenzio fuori da palazzo Marino in memoria delle tante vittime. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
MilanoToday è in caricamento