Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Via Palestro, 25 anni dalla strage. Sala: "Milano ha saputo reagire, ma non abbiamo ancora i mandanti"

 

Milano ricorda la sera in cui fu colpita al cuore, il 27 luglio 1993, quando un’autobomba in via Palestro uccise cinque persone, ne ferì molte altre e devastò il Padiglione d’arte contemporanea insieme a tutta la zona circostante.

In occasione del 25° anniversario dalla strage, al Pac si è tenuta venerdì 27 luglio una giornata di commemorazione prima con la deposizione delle corone sul luogo della strage e poi, all'interno della Galleria, con l'inaugurazione della mostra fotografica “La mafia uccide solo d’estate. 25 anni dalla strage di via Palestro”.

Nel corso del convegno sono intervenuti il sindaco Giuseppe Sala, il presidente del Consiglio comunale Lamberto Bertolè, il direttore regionale dei Vigili del fuoco Dante Pellicano e il sostituto procuratore nazionale Antimafia e Antiterrorismo Francesco Del Bene intervistato dal giornalista Cesare Giuzzi.

Il primo cittadino ha voluto sottolineare con forza la capacità di reazione di tutta la città di Milano, ma anche stigmatizzato sulla vicenda giudiziaria: "Non sappiamo chi siano i mandanti e chi davvero stia dietro questa strage: è una sconfitta per tutti, in particolare per Milano".

Potrebbe Interessarti

Torna su
MilanoToday è in caricamento