MilanoToday Porta Genova

Al teatro Ariberto dall'1 al 25 ottobre va in scena‏ "Tortellini crudi"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MilanoToday

"Tortellini Crudi" L'Alzheimer è una cosa seria, ma mia madre fa cose buffe... di e con Marco Filatori

Lo spettacolo inaugura la stagione 2014-15 del Teatro Ariberto.

Nel dicembre 2013 il testo Tortellini crudi ha vinto il Premio Fondazione Carlo Terron, sezione monologhi, indetto dalla rivista di teatro SIPARIO.

Dal 1 al 25 ottobre 2014

via Daniele Crespi 9 Milano! Ore 20.45 - domenica ore 16.30. !

Lunedì e martedì riposo

L'autore commenta:

TORTELLINI CRUDI

"Il titolo nasce da un episodio preciso: entrando in casa della madre la trova che mangia tortellini crudi. Lei è convinta che siano buoni e solo un po' duri per i suoi denti, ma passate le feste sarebbe andata dal dentista e avrebbe risolto il problema. E questo spostare la responsabilità torna spesso: non riuscire a leggere le ore è colpa della vista, non farcela ad aprire una porta è colpa delle troppe chiavi. E poi l'alcol, che all'improvviso diventa lo strumento con cui lei riesce ad essere un po' serena e obnubilata. Perché in qualcherecesso del suo cervello lei ha "consapevolezza" del suo stato. E la consapevolezza a volte è come una sentenza."

SINOSSI

Monologo di Marco Filatori.

Sul palco una sedia a rotelle di spalle al pubblico, che davanti ha una tv e di fianco un tavolino con un bicchiere d'acqua. Dall'altro lato un tavolino e un computer portatile che l'attore userà per leggere al pubblico informazioni legate all'Alzheimer.

È un figlio che racconta l'irruzione nella sua vita di una madre malata della cosiddetta "malattia di Alzheimer". Parla con lei, o con ciò che resta di lei, o con la sua idea di lei. E con gli spettatori, costretti a subire una specie di confessione pubblica. E con parte della famiglia, convocata in platea come in un triste tribunale, dove chiudere alcuni conti e, di conseguenza, aprirne altri. Ogni famiglia ha le sue ombre e le sue bombe innescate, e lui maneggia con sofferta franchezza quelle della sua. È un piccolo gioco al massacro, dove tutti appaiono nudi e indifesi, proprio come la madre, su una sedia a rotelle, di spalle. E anche il pubblico.

NOTE BIOGRAFICHE

Mi chiamo Marco Filatori e sono attore, regista e drammaturgo. Sono nato nel 1959 e abito a Milano. Nel 1998 ho fondato l'Associazione Culturale Teatro del Battito e ho cominciato a organizzare corsi di recitazione. Da allora ho scritto e/o diretto spettacoli collaborando con nomi importanti della scena milanese e non solo quali Giulia Bacchetta, Corinna Agustoni, Sonia Antinori, Heidrun Kaletsch, Maddalena Balsamo, il musicista Carlo Boccadoro e il suo ensemble Sentieri Selvaggi, il pianista Andrea Rebaudengo, la Compagnia Teatroinmostra di Como, Storia e Narrazione di Chiara Continisio e Paolo Colombo.

Dal 2013 la mia Compagnia è residente nel Nuovo Teatro Ariberto di Milano che riapre nella Stagione '13/'14 con un nuovo e qualificato management e un programma di alto profilo.

Quattro anni fa ho pubblicato un romanzo, Rednet, con la casa editrice milanese LibriBianchi.

Collaboro da più di dieci anni con la Compagnia Teatro in Mostra di Como, che ha portato in scena spettacoli scritti e diretti da me anche in occasione delle mostre a Villa Olmo di Como. Attualmente i miei spettacoli che hanno in repertorio e in tournée sono: L'ultima notte di Antigone, testo e regia; La spartizione, ovvero Venga a prendere il caffè da noi, regia e adattamento teatrale dall'omonimo romanzo di Piero Chiara, debutto all'AnfiTeatro Santuccio di Varese in occasione del Premio Chiara; Angeli, tratto dal romanzo Amabili resti di Alice Sebold, debutto al Teatro Sociale di Chiasso, drammaturgia; In arte Liala, testo originale sulla vita della scrittrice Liala e regia, debutto al Teatro Sociale di Como.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Al teatro Ariberto dall'1 al 25 ottobre va in scena‏ "Tortellini crudi"

MilanoToday è in caricamento