rotate-mobile
Guerra in Ucraina

Milano accoglierà i rifugiati dall'Ucraina a causa della guerra

Il consiglio comunale approva all'unanimità un ordine del giorno. Imperversano i bombardamenti russi su tutto il paese. A Kyiv ci si rifugia nella metropolitana

Preparare la città di Milano ad accogliere eventuali rifugiati dall'Ucraina nel giorno in cui il paese è stato bombardato e assaltato dalla Russia di Vladimir Putin. E' la richiesta di un ordine del giorno approvato all'unanimità dal consiglio comunale di Milano giovedì pomeriggio, prima della sospensione per partecipare alla grande manifestazione per la pace che si svolge dalle sei di pomeriggio in piazza Scala.

Nel documento, presentato da Filippo Barberis e Alessandro Giungi del Pd, si legge anche una "ferma condanna" dell'invasione dell'Ucraina da parte russa: "Il consiglio comunale - si legge - esprime la più ferma condanna, nelle sedi istituzionali ritenute opportune, per l'invasione dell'Ucraina da parte della Russia e i bombardamenti delle città, avvenuti in spregio ad ogni regola del diritto internazionale per sottomettere uno stato sovrano, rifiutando ogni tentativo di intesa negoziale e minando la pace e la stabilità dell'Europa".

L'ordine del giorno invita inoltre a "prepararsi per la possibile accoglienza in città del flusso di cittadini ucraini in fuga dalla guerra" e a "sollecitare sin da subito, attraverso l'associazionismo milanese e il terzo settore, iniziative sia di sostegno alla comunità ucraina milanese, sia di cooperazione internazionale che possano portare aiuti umanitari nei territori oggetto dell'aggressione".

La giornata di mobilitazione a Milano è iniziata intorno a mezzogiorno e mezza con un presidio di ucraini davanti al consolato russo di via Sant'Aquilino, in zona San Siro. Gli ucraini si sono poi trasferiti per un presidio in via Mercanti in attesa di unirsi alla manifestazione di piazza Scala.

La guerra russa in Ucraina

In Ucraina continuano i bombardamenti su larga scala in numerose città del paese. Nel pomeriggio di giovedì è stata bombardata anche la capitale Kyiv. La gente si è rifugiata all'interno delle stazioni della metropolitana. Sempre nel pomeriggio di giovedì, è stata presa di mira dalla Russia la centrale di Chernobyl. A Kharkhiv, nel nord-est dell'Ucraina, l'esercito ha bloccato l'avanzata di militari russi. Sono state diffuse le fotografie di due soldati della Federazione russa catturati, entrambi quasi certamente minorenni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Milano accoglierà i rifugiati dall'Ucraina a causa della guerra

MilanoToday è in caricamento