Aldo, Giovanni e Giacomo si dividono (almeno per un po'): ecco la nuova vita di Giacomino

Giacomo Poretti sarà il conduttore di un programma tv sulla rete della conferenza episcopale

Ha detto "arrivederci", per ora non addio, ai suoi due più grandi amici. Quei due colleghi con cui ha diviso trenta anni di vita e di carriera. Di successi e fama. Perché per Giacomo Poretti adesso sembra arrivato il momento di mettersi in proprio. 

"Il 33 per cento del trio Aldo, Giovanni e Giacomo" - è lui stesso che ama definirsi così - ha deciso di lasciare, almeno per il momento, i suoi compagni di scena. Il comico, stando a quanto ha raccontato alla rivista "Spy", è infatti atteso da un nuovo lavoro da solista ed è pronto a trasformarsi in conduttore per un programma televisivo su Tv2000, la rete della conferenza episcopale italiana. 

“Scarp' de tenis - Incontri sulla strada”, questo il nuovo programma di "Giacomino" racconterà la vita delle persone più sfortunate di Milano, città che il trio ha sempre omaggiato e "infilato" nei propri film

Foto - L'intervista di Giacomino su Spy

intervista spy aldo giovanni giacomo-2

Il nuovo programma di "Giacomino"

"Porterò gli spettatori nelle mense dei poveri, nei dormitori, nei supermercati della solidarietà per vedere come vivono i più bisognosi, ma anche quante persone, e sono tante, sono disposte ad aiutarli" - ha spiegato Poretti a Spy -. Saranno storie ad alto tasso di sensibilità: racconti forti che ti colpiscono e ti danno uno schiaffo forte. Soprattutto che ti costringono a guardare i cosiddetti invisibili, che sono tali solo perché tutti quanti, me compreso, siamo vittime del pregiudizio". 

"Viene facile dire: «Non hanno volontà, sono senza palle, si sono buttati via» - ha ammonito Giacomo -. Invece, guardando da vicino si scopre che sono persone magari fragili, ma che a causa delle avversità della vita si sono trovate costrette a schiantarsi".

Il futuro di Aldo, Giovanni e Giacomo

È stato lo stesso Giacomino, poi, a fare chiarezza sul futuro del trio, che da qualche mese ormai sembra aver perso la "magia" di un tempo ma che - assicura lui - è pronto a tornare. 

"Siamo in un periodo in cui la verità è fluida, viene scritta qualsiasi cosa. La realtà è che tra poche settimane, dopo il film che Aldo farà in solitaria, ci incontreremo per metterci al lavoro e cominciare a pensare a un nuovo progetto che andrà in scena l'anno prossimo. Dunque nessun litigio". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Certo un po' di stanchezza fisiologica c'è. Dopo trent'anni ci si stanca della propria moglie, figuriamoci di altro. L'importante - ha concluso -  è che tutto torni come prima".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, passante insegue un rapinatore in metro e con un pugno lo riduce in coma

  • Incidente a Milano, scontro tra monopattino e auto: cade e sfonda il parabrezza, uomo in coma

  • Orrore per una mamma di Milano, violentata e picchiata davanti ai suoi bimbi: un arresto

  • Milano, esplosione in piazzale Libia: è uno chef de rang il 30enne intubato al Niguarda

  • Follia sul bus Atm, "sgridato" per la bici a bordo: sfonda il vetro e aggredisce l'autista

  • Milano, scuola e covid: 4 bimbi positivi, tutte le classi in isolamento (più una educatrice)

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento