menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Amore da una nazione intera", ma non basta: Alex, tra tristezza e speranza nuovo messaggio dei genitori

Il piccolo sta ancora lottando contro il tempo

Le cellule del cordone ombelicale trovate a Bologna per il piccolo Alex purtroppo non sono compatibili per il trapianto. Lo scrivono i genitori del piccolo Alessandro Maria Montresor, il bambino di 18 mesi affetto da una rarissima malattia genetica, la linfoistiocistosi emofagocitica, e che, a causa di questa malattia, è ricoverato all'ospedale di Londra. Il campione di tessuto cordonale conservato al Sant'Orsola di Bologna, dunque, è risultato poco compatibile con l'organismo di Alessandro.

Una doccia gelata, a poche ore dall'annuncio che invece quel campione di tessuto, custodito nella banca dei tessuti del nosocomio bolognese e contenente cellule staminali, poteva essere quello che avrebbe curato il bimbo dalla malattia.

Nel frattempo, sono però state organizzate altre nuove tipizzazioni al Policlinico di Milano. 

Questo il messaggio dei genitori di Alessandro Maria: "A tutti i mezzi di stampa e ai loro giornalisti che hanno fatto a gara in queste ultime ore a comunicare che esiste un cordone italiano compatibile. Ci tenevamo purtroppo ad informarvi che abbiamo parlato in questo momento coi medici inglesi che seguono Alessandro Maria, e che ci hanno confermato un basso livello di compatibilità (verificato con una high resolution HLA di next generation) di tale cordone. Non intendiamo commentare oltre, ma ci teniamo a sottolineare che stiamo parlando della vita di un bambino di 1 anno e mezzo. Credo che la vera ed unica notizia che la stampa dovrebbe pubblicizzare sia il gesto d’amore e di speranza che una nazione intera, scesa nelle piazze o presso i centri trasfusionali, ha deciso di regalare a tutte le persone malate ed in attesa di trapianto, oltre che la volontà delle istituzioni di riuscire a completare la tipizzazione nel minor tempo possibile. I genitori di Alessandro Maria".

Il bambino è ricoverato a Londra, dove lavorano i genitori italiani, e ha bisogno di un donatore di cellule staminali del sangue. Oltre 10mila persone in tutta Italia nell'ultima settimana si sono iscritte al Registro italiano donatori midollo osseo, sottoponendosi al test del Dna sul sangue o sulla saliva per misurare il proprio grado di compatibilità con Alex. Una mobilitazione mai vista prima. Una corsa contro il tempo che deve andare avanti, per dare una speranza al bambino: "Continuate a donare le vostre cellule", dice il papà. Il midollo per il trapianto per Alex può arrivare dalla donazione di un adulto oppure dal sangue del cordone ombelicale dei bambini i cui genitori abbiano dato il consenso alla donazione al momento della nascita.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona rossa, zona arancione e zona gialla: quando serve l'autocertificazione

Coronavirus

Milano, la Lombardia è zona rossa fino al 31 gennaio: "Non è punizione". Le regole

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento