Un aquilone vola a Milano per Zaki ancora prigioniero in Egitto: "Liberatelo!"

Il flash mob organizzato da Amnesty International Italia, Articolo 21 e Festival dei Diritti Umani si è tenuto all'Arco della Pace

L'aquilone (foto Ansa)

Un aquilone nei cieli di Milano per dire basta all'ingiusta carcerazione dello studente Patrick George Zaki in Egitto. È il flashmob organizzato da Amnesty International Italia, Articolo 21 e Festival dei Diritti Umani, che si è tenuto giovedì pomeriggio all'Arco della Pace.

L'iniziativa

Disegnato dall'artista Gianluca Costantini, l'aquilone col ritratto di Patrick è volato davanti ad alcune decine di partecipanti all'iniziativa che ha visto anche l'adesione unanime del consiglio comunale di Milano. "L'Italia ha già visto questa situazione - ha dichiarato Giulia Groppi, responsabile per i rapporti istituzionali di Amnesty International Italia -, sono quattro anni che l'Egitto si rifiuta di collaborare sulla vicenda di Giulio Regeni e noi chiediamo che ci sia una svolta in questi rapporti".

Il volto di Zaki a Palazzo Marino: "Scarceratelo"

Zaki si trova detenuto in Egitto dallo scorso 7 febbraio, giorno in cui lo arrestarono all'aeroporto del Cairo, di ritorno nel suo paese di origine da Bologna, dove stava seguendo un Master Erasmus Mundus in Women and Gender Studies. "Zaki - afferma Amnesty - è indagato per cinque diversi capi d'accusa contenuti in un mandato di cattura emesso nel settembre 2019, quando era già in Italia: minaccia alla sicurezza nazionale, incitamento a manifestazione illegale, sovversione, diffusione di notizie false e propaganda per il terrorismo. Accuse false e inventate per punire un giovane ricercatore e attivista, che ha sempre agito alla luce del sole tanto in Egitto quanto in Italia".

"Patrick non è un cittadino italiano - ha continuato Gruppi - ma è un ragazzo come me, uno di noi, studiava qui in Italia, viveva qui -. Comprendiamo la necessità dell'Italia di mantenere rapporti commerciali con l'Egitto ma chiediamo coerenza e vogliamo che ci sia un impegno serio del governo e non solo dichiarazioni. Se questo l'intento del governo egiziano è di far passare tempo così ci dimentichiamo della richiesta di libertà di Patrick si sbagliano di grosso. La dimostrazione è essere qui dopo otto mesi".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Ci impegniamo con tutti gli strumenti che abbiamo a non abbassare l'attenzione anche davanti a queste proroghe di detenzione -  ha dichiarato Diana De Marchi, presidente della Commissione pari opportunità e diritti civili del Consiglio comunale di Milano -.  Zaki è uno dei tanti casi di ingiustizia e di violazione dei diritti umani". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mara Maionchi ricoverata per coronavirus a Milano

  • Sciopero generale, venerdì nero dei mezzi a Milano: a rischio metro, bus, tram e treni. Tutti gli orari

  • Coprifuoco in Lombardia: così a Milano torna di 'moda' l'autocertificazione per circolare

  • Bollettino coronavirus Milano e Lombardia, raddoppiano i contagi: 4.126 in un giorno

  • Coronavirus, coprifuoco a Milano e in Lombardia dalle 23 alle 5: c'è l'ok del Governo

  • Milano, il nuovo Dpcm contro il coronavirus: ristoranti, palestre e 'coprifuoco alle 21'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento