Milano, all'asta i barconi sfrattati dal Naviglio: 10mila euro per gli storici ex bar e locali

L'asta si chiude il 25 febbraio. Base di partenza per le offerte diecimila euro. I dettagli

Il comune cerca acquirenti per i quattro barconi "sfrattati" e rimossi ormai un anno fa dalle acque del Naviglio Pavese. L'asta - informa palazzo Marino in una nota - si chiuderà il 25 febbraio, con l’apertura delle buste con le offerte economiche in una seduta pubblica. 

La base d’asta per le imbarcazioni - che hanno ospitato per decenni bar e ristoranti storici di Milano - "è di 10mila euro per ognuno dei galleggianti che attualmente si trovano custoditi nel parcheggio Trenno Atm in via Novara". Una volta venduti, i quattro barconi - circa 25 metri di lunghezza e 5 di larghezza ognuno - "dovranno essere trasportati a spese dei compratori", sottolinea il comune. 

“Con l’asta si chiude nel modo più giusto una vicenda complicata e fin troppo lunga della storia del Naviglio – le parole dell'assessore al Demanio, Roberto Tasca –. La storia dei barconi, che pur non avendo le autorizzazioni necessarie sono rimasti ormeggiati e attivi per anni, aveva dell’assurdo e la loro rimozione è stato un atto doveroso verso i milanesi. Così come è doverosa la loro vendita per recuperare parte delle spese di rimozione”. 

La storia dei barconi sui Navigli

Quella dei barconi sui Navigli è infatti una storia che si è trascinata per anni, tra concessioni, licenze ritirate e veri e propri tentativi di sgomberi. 

Nel 1985 la gestione delle acque dei Navigli era totalmente in capo alla Regione, che aveva dato la concessione per i barconi ritirandola però l'anno successivo. Da lì in poi una guerra di carte bollate. Nel 1995, ad esempio, il Pirellone aveva stabilito che i Navigli fossero un bene di "archeologia industriale" e aveva motivato in questo modo l'ennesima ingiunzione a eliminare i barconi.

Nel frattempo, però, le acque erano passate alla gestione del Comune di Milano e nel 2009 era stata rifiutata la regolarizzazione delle concessioni perché i barconi erano stati considerati incompatibili con “la qualità monumentale dei siti, la navigazione turistica e i lavori di sistemazione delle sponde”.

L’ultima spinta alla demolizione è stata poi la direttiva Bolkestein dell'Unione Europea, che prevede che ogni spazio demaniale o pubblico sia messo a bando. Comprese, naturalmente, le acque dei Navigli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Poco dopo invece erano arrivate le grate ai barconi, i sigilli e la parola fine con le rimozioni. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Offerte di lavoro, Esselunga cerca dipendenti e assume: ecco come candidarsi

  • Autostrade, confermato lo sciopero domenica 9 e lunedì 10 agosto: le cose da sapere

  • Milano, paga 15 euro ed esce dall'Esselunga con 583 euro di spesa: "Sono sudcoreana"

  • Milano, violenta rissa in strada: il video choc dei residenti che seguono tutto dalle finestre

  • Disavventura per una famiglia di Milano, trova la casa delle ferie devastata e occupata

  • Bollettino coronavirus Milano: trovate altre 16 persone infette, risalgono i ricoveri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento