Domenica, 21 Luglio 2024
Il presidio / San Siro / Via Sant'Aquilino

Missili sull'ospedale dei bambini di Kyiv, manifestazione al consolato russo: "Crimine di guerra"

La manifestazione nel pomeriggio. Poi, alle otto di sera, in Duomo, l'usuale minuto di raccoglimento: c'erano anche i consiglieri comunali di Azione e Italia Viva

In uno dei giorni più drammatici in Ucraina dall'inizio dell'invasione su larga scala, un gruppo di persone (prevalentemente di origine ucraina) si è presentato lunedì pomeriggio davanti al consolato della Russia a Milano, in via Sant'Aqulino (zona San Siro), mostrando le fotografie della distruzione dell'ospedale pediatrico di Okhmatdyt, nella capitale Kyiv, e del quartiere circostante.

Accanto alle fotografie si leggevano alcune scritte: "Coloro che dicono che la Russia vuole i negoziati, in realtà vogliono che si continuino a uccidere gli ucraini", "Il nemico ha cinicamente sparato ai nostri figli in ospedale", "Il bombardamento russo di un ospedale pediatrico è un crimine di guerra". Dopo qualche minuto, i manifestanti sono andati via, lasciando davanti al cancello del consolato dei giochi insanguinati.

Complessivamente, in tutta la giornata, soltanto nella capitale Kyiv sono morte almeno 27 persone di cui 3 bambini, e 82 sono rimaste ferite. In tutta l'Ucraina ci sono stati altri morti, a causa degli attacchi a Dnipro, Kramatorsk, Krivy Rih e altre città. Le immagini dell'attacco all'ospedale pediatrico (uno dei più grandi d'Europa, che si prende cura di 18mila bambini all'anno) hanno fatto il giro del web, provocando un'ondata di indignazione, e in diverse città europee si sono tenute commemorazioni spontanee. Il ministro degli Esteri italiano, Antonio Tajani, ha parlato di "crimine di guerra"

Alle otto di sera, una trentina di persone si è radunata in piazza del Duomo, a Milano, per l'usuale minuto di raccoglimento con i giovani di UaMi, l'associazione milanese di ucraini e italiani in sostegno all'Ucraina. C'erano anche tutti i consiglieri del gruppo dei Riformisti in consiglio comunale: Giulia Pastorella, Daniele Nahum e Carmine Pacente di Azione, oltre a Gianmaria Radice di Italia Viva.

L'ospedale pediatrico di Kyiv subito dopo il bombardamento (Fb ufficiale)

Giocattolo insanguinato davanti al consolato russo a Milano

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Missili sull'ospedale dei bambini di Kyiv, manifestazione al consolato russo: "Crimine di guerra"
MilanoToday è in caricamento