menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

1.500 caldaie a gasolio nelle case private di Milano. Un bando per l'efficienza energetica

Nel 2023 questi impianti saranno vietati

Maggiori vantaggi per i cittadini che intendono eseguire lavori di efficientamento energetico nelle proprie abitazioni. Il bando BE2 del Comune di Milano è stato rilanciato riformulando i criteri di distribuzione delle risorse. I residenti potranno chiedere contributi fino al 31 dicembre 2020. I lavori dovranno iniziare non più tardi dell’autunno 2021. 

I bandi BE1 e BE2, finanziati complessivamente per 23 milioni e 850 mila euro, hanno consentito in questi anni di erogare fondi ai privati per eseguire opere di impatto ambientale sul patrimonio edilizio privato (ed esempio: installazione di pannelli solari, tetti e pareti verdi, depavimentazioni di aree esterne, sostituzione dei vecchi impianti termici, isolamento termico etc.). Per quanto riguarda il BE2 sono oltre 10 milioni e 200 mila euro le risorse già erogate o prenotate. Fondi che hanno consentito di eseguire o programmare circa 160 interventi.

Con la riformulazione del bando varata dalla giunta e in pubblicazione nei prossimi giorni, si punterà a incentivare ancora di più l’esecuzione di queste opere, riformulando la distribuzione dei contributi e aumentando, in alcuni casi di più del doppio, per le tipologie più sostenibili, la compartecipazione del Comune al costo complessivo dell'intervento.

1.500 caldaie a gasolio in città

In particolare, verrà data maggiore rilevanza a interventi di sostituzione di impianti alimentati a combustibili fossili con impianti alimentati da risorse rinnovabili, teleriscaldamento efficiente e micro-cogenerazione. Ad oggi, in città, sono presenti ancora oltre 1.500 caldaie a gasolio: secondo le stime di Amat, per ogni impianto sostituito è possibile conseguire un risparmio annuo di anidride carbonica pari a 7 tonnellate in meno con un impianto a gas, 10 tonnellate per il teleriscaldamento, 14 con un impianto a pompa di calore.

Complessivamente l’impatto sulla qualità dell’aria derivante dalla sostituzione di tutte le caldaie a gas e gasolio ancora presenti in città (in vista del divieto totale a partire dal 2023) consentirebbe una riduzione delle emissioni pari a circa 46 mila tonnellate di anidride carbonica.

Maggiori risorse verranno destinate anche agli interventi sull’involucro degli stabili, che nell’ultima edizione del bando hanno ricevuto un numero notevole di richieste da parte degli utenti; per queste opere verrà fissato un tetto massimo per ogni singola domanda, in modo da aumentare la platea dei beneficiari. Sono tutti interventi che permettono di diminuire sensibilmente le emissioni e ridurre le spese di riscaldamento e raffrescamento, migliorando così la qualità dell'aria di Milano e facendo risparmiare le famiglie.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona arancione: le faq aggiornate al 20 gennaio per capire cosa si può fare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento