Martedì, 26 Ottobre 2021
Attualità Porta Venezia / Via Lecco

La foto (poi rimossa) di Luca Bernardo con un volto noto della comunità gay di Milano

Il post su Instagram col titolare del "Lecco Milano" e la replica del diretto interessato

Luca Bernardo "inciampa" in via Lecco. C'è una, nuova, polemica attorno al primario di pediatria del Fatebenefratelli che corre alle prossime elezioni comunali di Milano come candidato di tutto il centrodestra unito. 

Tutto è nato nelle scorse ore, quando il dottore ha pubblicato sul proprio profilo Instagram una foto che lo ritrae insieme a un ragazzo che lo abbraccia e si appoggia alla sua spalla. "Ieri sera in via Lecco, con alcuni amici imprenditori della zona, alcuni residenti e i ragazzi che - assunti dai locali - fanno sicurezza. Ho ascoltato le problematiche del quartiere e anche le proposte per bilanciare gli interessi tra residenti e imprenditori", il commento. 

Il ragazzo in questione, in compagnia di Bernardo, è Paolo Sassi, un volto noto della comunità Lgbtq di Milano, dove l'imprenditore gestisce il locale "Lecco Milano" e l'osteria Memà di via Pietro Crespi. Ed è qui che cominciano i problemi per il candidato sindaco. Perché, stando a quanto denunciato dallo stesso Sassi sempre sui social, quella foto non è stata scattata in via Lecco e, soprattutto, è quasi "rubata". 

"Sui canali social del candidato sindaco di centrodestra è stata condivisa una foto con me, scattata settimane fa al Memà durante una serata con degli amici, che ho scoperto poi essere in comune con questa persona, a me completamente sconosciuta, quando ci ha raggiunti", ha sottolineato il titolare dei locali, che ha postato anche una sua immagine insieme al deputato Pd Alessandro Zan. 

"Non credo sia necessario, ma faccio presente a tutti che io non ho nulla con cui spartire con nessuna forza politica di centrodestra, notoriamente avversa alla mia comunità, anche nella nostra città. Rispetto alle difficoltà che stiamo vivendo nel quartiere, in particolare rispetto ai locali, stiamo già trovando una soluzione condivisa con il sindaco, che ci ha già ricevuti, e lo  incontreremo un’altra volta nei prossimi giorni a proposito dell’ordinanza e dei problemi di sicurezza che stiamo vivendo al Lazzaretto", ha proseguito Sassi.

"Non abbiamo in alcun modo bisogno di essere utilizzati come pedine in questa campagna elettorale o, peggio, come arma di distrazione rispetto ai problemi che il candidato di destra sta vivendo in questi giorni. Non vi nascondo la mia irritazione e ho chiesto già di rimuovere il post in questione, che, come immaginerete, lede la mia immagine e credibilità", ha concluso. E in effetti, poco dopo, il post è sparito dalla pagina di Bernardo. 

post paolo sassi bernardo-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La foto (poi rimossa) di Luca Bernardo con un volto noto della comunità gay di Milano

MilanoToday è in caricamento