Attualità

Mobilità, Legambiente: "A Milano aumentano ciclisti e motociclisti ma serve più sicurezza"

L'associazione presenta il dossier dell'Osservatorio Nazionale Infrastrutture, Sicurezza e Mobilità sulle due ruote

"Biciclette e scooter elettrici servono a combattere la congestione del traffico in città e lo smog. Molte grandi città come Milano lo hanno compreso promuovendo un articolato sistema di sharing e piste ciclabili". A dirlo è Marzio Marzorati, vicepresidente di Legambiente Lombardia, presentando il terzo rapporto dell’Osservatorio Focus2R, promosso da Confindustria Ancma e Legambiente, che fotografa le politiche comunali in favore di ciclisti e motociclisti.

In generale, il quadro è quello di un'Italia dove cresce la mobilità su due ruote ma dove sono necessari più investimenti nella sicurezza. "Serve un rilevante cambio di attitudine nei confronti della mobilità dolce - continua Marzolati. - Vorremmo che la bicicletta avesse pari dignità, come mezzo di trasporto, rispetto alle auto con percorsi privilegiati e protetti, volano non solo della fruizione quotidiana della città ma anche della promozione turistica del territorio".

Bike Sharing-2

(I servizi di bike sharing nei comuni analizzati dal rapporto)

Milano, insieme a Roma e Catania, è tra le tre sole città che offrono servizi di moto e scooter sharing. Nel capoluogo lombardo, inoltre, come evidenziato dall'indagine sono presenti 16.600 biciclette e 257mila abbonati ai servizi di bike sharing (in media nei comuni italiani sono a disposizione soltanto 156 bici).

La situazione in Italia

Secondo il rapporto 'Focus2R', le due ruote scalano gradualmente l’agenda politica delle amministrazioni locali: ad aumentare sono le disponibilità media di infrastrutture ciclabili e di parcheggi per le moto, il numero di città dove è consentito trasportare le bici sui mezzi pubblici e i comuni dotati di bike sharing. Il lavoro da fare comunque, evidenzia Legambiente, è ancora molto.

Le zone d’ombra riportate dall’indagine riguardano invece il miglioramento della sicurezza. Scende infatti il numero dei Comuni che dichiara di avere inserito almeno una misura in questa direzione per le biciclette nei Piani Urbano della Mobilità, mentre l’80% afferma di non avere messo in campo iniziative analoghe per le motociclette. Rimangono ancora poche le città che offrono incentivi economici per l’acquisto di bici e di scooter elettrici.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mobilità, Legambiente: "A Milano aumentano ciclisti e motociclisti ma serve più sicurezza"

MilanoToday è in caricamento