Attualità

Black out a Milano, perché la città è in "stato di allerta"

Boom di black out negli ultimi giorni. I motivi degli stop alla corrente

Lunedì in centro. Martedì nella zona nord. Giovedì di nuovo in centro e poi, poco dopo, in Porta Romana. Milano continua a fare i conti con un'ondata incredibile di black out, con intere zone della città che negli ultimi giorni sono rimaste a lungo senza corrente. 

In tre giorni si sono verificati oltre ottanta guasti, di natura diversa tra loro. Il numero è spaventoso: si tratta di un numero di disguidi che di solito si "spalma" in un paio di mesi almeno. Per cercare di rispondere in maniera quanto più pronta all'emergenza, Unareti "ha quadruplicato le squadre di pronto intervento, al lavoro 24 ore su 24 per - ha fatto sapere la stessa azienda - ultimare le attività di riparazione dei guasti che si sono verificati negli ultimi giorni e riportare la rete al suo assetto standard". 

In alcuni casi, come in Porta Romana giovedì, nonostante la rapidità dell'intervento, il black out è durato a lungo perché è stato necessario scavare per risolvere il guasto. 

Ma perché si stanno verificando così tanti black out a Milano? A spiegarlo è proprio Unareti, che parla di "stato di allerta": "Le alte temperature registrate in questi giorni a Milano hanno portato ad un aumento dei consumi di energia in città. Negli ultimi giorni, è stato infatti raggiunto il carico massimo del 2021 sulla rete elettrica, in crescita di circa il 25% rispetto alla scorsa settimana", hanno chiarito. Buona parte della colpa, in sostanza, è dei condizionatori, che hanno portato - e continuano a portare - un sovraccarico di consumi. 

E qualche colpa, per stessa ammissione di Unareti, ce l'ha anche la rete. "Per superare i disservizi che possono verificarsi in presenza di aumenti di carico sulla rete, sono necessari ingenti investimenti che richiedono tempi lunghi per poter essere portati a termine", hanno ammesso dalla società.

E così i black out degli ultimi giorni hanno, inevitabilmente, acceso anche la polemica politica. Il sindaco Beppe Sala, giocando sulla difensiva, ha annunciato che serve un "piano di investimenti serio" e le opposizioni hanno replicato, in maniera provocatoria, che lo aspettano "entro domani mattina". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Black out a Milano, perché la città è in "stato di allerta"

MilanoToday è in caricamento