rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Attualità

Il mondo di Valerio, burattinaio di Milano - Episodio 4 Mest(ieri)

Scolpisce e dipinge a mano i suoi burattini, con i quali porta avanti la tradizione di scuola lombarda

Un'elegante giacca rossa con un bordino vellutato verde, un neo sulla guancia e un codino di capelli neri; una cuffietta bianca con un nastrino azzurro e un'ampia gonnella; un mantello nero e una veste dorata sotto a ben tre teste; un cappello viola e un'espressione che non promette nulla di buono. Sono i personaggi protagonisti dello spettacolo di Valerio Saccà, di professione burattinaio.

Mest(ieri) di Milano: il nuovo format sui lavori di una volta

Il burattinaio e il suo Meneghino: VIDEO

Incontriamo l'artista, all'anagrafe Valerio Aldrighi, nella sua casa, dove ci accoglie, seguito da un'anziana gatta nera, tra bauli pieni di sorprese, guattarelle (i burattini napoletani) dalle facce espressivissime e cimeli del secolo passato, tra cui sceneggiature e antiche locandine. Valerio, 34 anni e originario di Sesto (Milano), con la sua Compagnia Burattini Aldrighi, che porta avanti la tradizione di scuola lombarda, svolge un mestiere tanto raro quanto antico. "Ho sempre voluto fare questo - ci racconta col sorriso sulle labbra -, da bambino vedevo il teatro dei burattini nel Milanese e nella Bergamasca e sin da subito sono rimasto folgorato da questa forma d'arte così antica ma ancora così forte e viva".

Dopo una breve parentesi nel settore della ristorazione, l'aspirante burattinaio decide di andare a bottega dal maestro Daniele Cortesi che, insieme alla sua compagna Maria Teresa, gli insegna tutti i segreti del mestiere . "Loro muovono il Gioppino (maschera bergamasca, ndr) - spiega Saccà -, io invece, essendo milanese, muovo il Meneghino, personaggio che rappresenta per eccellenza la milanesità. Non uso il dialetto puro perché in pochissimi lo capirebbero, tengo un 'ital-dialettato', che è il compromesso per rendere contemporanee queste maschere tradizionali". Le prossime occasioni per vedere i suoi spettacoli? L'appuntamento è in Cascina Cuccagna, dove sia a febbraio sia a ottobre si terranno show per bambini e masterclass per adulti.

Allievo anche di Giacomo Onofrio e Natale Panaro, Saccà scolpisce i suoi burattini a mano nel cirmolo, li dipinge con colori a olio, crea i fondali e la baracca, scrive i copioni, sceglie i tessuti per gli abiti, cura la regia e - ovviamente - muove e dà voce a tutti i suoi personaggi recitando i testi a memoria. Protagonista indiscusso dei suoi spettacoli è Meneghin Pecenna, Meneghino, maschera nata nel Rinascimento e completamente scomparsa negli ultimi 50 anni. "Sul finire del '600 - mette in luce Valerio - con Carlo Maria Maggi diviene eroe borghese, si tratta di un carattere che agisce sempre nel giusto e mai per convenienza personale. Per coraggio (affronta sempre le sue paure) e bontà si distanzia anche dal classico servitore".

Lavorare in un campo così particolare non è affatto facile nel 2021. Per questo Saccà a fianco alla sua attività, già molto articolata, di burattinaio si dedica anche a laboratori di scultura per adulti e di manipolazione per bambini, sempre incentrati sull'arte del burattino a guanto, e organizza anche mostre e rassegne, oltre a partecipare a festival anche all'estero. Otto fino ad ora gli spettacoli che ha prodotto, puntualmente legati alla città di Milano e al personaggio di Meneghino, e numerosi i premi vinti, tra cui il premio ribalte di fantasia, il premio Pina e Benedetto Ravasio e Premio Teatrapa-Messico. 

Per creare qualsiasi storia servono l'eroe, la spalla, la coppia di innamorati, l'antagonista. Saccà prima inizia a scrivere e poi a scolpire, creando anche nuovi personaggi. Ma i burattini protagonisti di tante avventure, ci si chiederà, hanno ancora qualcosa da dire ai bambini di oggi? Valerio ne è fermamente convinto: "Il Meneghino, ad esempio, insegna moltissime cose, come l'amicizia, la bontà, l'essere parte di un gruppo - lui, infatti, è un cittadino a differenza di Arlecchino che è un servitore -, l'essere generosi, ma non pirla (che si può dire perché non è una parolaccia, vuol dire trottola".

"I burattini non sono un ricordo legato al passato dei nostri nonni - continua Saccà -. Il burattino, Meneghino, c'è, è vivo ed è portatore di una genuinità sempre più sottile. I bambini di oggi di 7 anni comunicano già in modo sarcastico, cosa che io trovo molto triste. Nel momento in cui incontrano i burattini, però, per loro torna quell'attimo di semplicità. Anche se solo passeggero, si tratta di un momento di autentica poesia che ogni bimbo merita di vivere".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il mondo di Valerio, burattinaio di Milano - Episodio 4 Mest(ieri)

MilanoToday è in caricamento