rotate-mobile
Attualità

Il caldo anomalo sta mettendo a dura prova gli animali selvatici di Milano

L'Enpa ha lanciato l'allarme; l'associazione nei giorni scorsi ha soccorso un rondone (uccello migratorio)

Il calendario segna il 10 ottobre, eppure le temperature sono quelle tipiche di fine agosto. E anche la fauna urbana di Milano ne sta risentendo. A lanciare l'allarme è sezione milanese di Enpa (Ente nazionale protezione animali) ha soccorso un rondone, piccolo uccello migratore, stremato dal caldo.

L'animale, stremato dal caldo, non era in grado di affrontare la migrazione a Sud dell'Equatore. Per questo è stato soccorso, sfamato e affidato alle cure del centro recupero animali selvatici del Wwf di Vanzago "dove speriamo possa riprendersi in tempo per intraprendere la trasferta verso i luoghi di svernamento", ha puntualizzato l'associazione.

rondone enpa

"Se in passato i flussi migratori dei volatili iniziavano prevalentemente tra agosto e settembre, in questi giorni vi potrebbe capitare di avvistare rondoni o altre specie che tipicamente dovrebbero già trovarsi in viaggio in direzione dell’emisfero meridionale o essere in procinto di partire - hanno spiegato dall'Enpa in una nota -. Alcuni esemplari, tuttavia, hanno particolarmente patito il caldo prolungato e l’assenza di precipitazioni 'normali' (sempre più sostituite da episodi temporaleschi brevi e violenti), e non si trovano ora in condizioni adeguate per iniziare una migrazione che li vedrà percorrere migliaia di chilometri, nel caso dei rondoni senza mai posarsi".

I rondoni, infatti, vivono costantemente in volo per circa 10 mesi all’anno: in volo si nutrono, bevono, dormono e si accoppiano; si posano solo il tempo necessario per dar vita alla prole e prendersene cura fino allo svezzamento.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il caldo anomalo sta mettendo a dura prova gli animali selvatici di Milano

MilanoToday è in caricamento