Cantieri per M4 (e crisi da covid): dal comune arrivano i soldi per i negozi in difficoltà

Bando di palazzo Marino: 440mila euro per i negozi danneggiati dai cantieri per la M4

Cantieri e coronavirus, un cocktail micidiale per i locali. E il comune prova a correre ai ripari, di nuovo. L'amministrazione meneghina, ha fatto sapere palazzo Marino in una nota, ha infatti approvato "le linee guida per la definizione del nuovo bando che mette a disposizione 440 mila euro di contributi a supporto delle imprese interessate dalla presenza dei cantieri della nuova metropolitana", la M4.

“In piena emergenza Covid – il commento l’assessora alle politiche per il lavoro, attività produttive e commercio, Cristina Tajani – siamo riusciti a trovare le risorse e le modalità per sostenere i commercianti che oltre a subire i disagi dovuti alla presenza dei cantieri non hanno potuto beneficiare dell’opportunità di allestire tavolini esterni per sopperire alle limitazioni imposte dal lockdown. Siamo convinti – ha concluso l’assessora – che questo contributo possa rappresentare una boccata di ossigeno per le attività accompagnandone la ripresa e la ripartenza”.

"Ai contributi potranno accedere tutte le attività danneggiate dalla presenza dei cantieri ma la priorità nell’assegnazione verrà data alle 79 realtà considerate a impatto molto elevato lungo tutta la tratta. Realtà che, in questi mesi, oltre alle chiusure imposte dai decreti governativi e regionali per contrastare la diffusione del Covid, si sono trovare anche nell’impossibilità di beneficiare delle concessioni per l’occupazione suolo delle aree antistanti per allestire tavolini e plateatici, a causa della presenza dei cantieri che hanno ridotto la larghezza di marciapiedi e carreggiate", hanno sottolineato dal comune.  

"Per le imprese considerate a impatto molto elevato è previsto un contributo a fondo perduto dall’ammontare massimo di 7 mila euro per le attività che hanno osservato un periodo di chiusura obbligatoria in adesione" ai vari Dpcmm anti covid, "mentre per tutte le altre attività il contributo sarà di 3.500 euro".

"Le imprese potranno rendicontare le spese correnti sostenute durante il lockdown, per canoni di locazione ed utenze per immobili risultanti quali sede operativa dell’azienda; canoni e tributi locali; acquisto di materiale d’uso da non destinare alla vendita, spese per il personale, pubblicità, marketing e comunicazione oltre alle spese per il loro consolidamento in una fase di forte disagio e di limitazione dell’attività", hanno chiarito da palazzo Marino.

Ad oggi sono 294 imprese, lungo tutta la tratta della nuova M4, "che in questi anni hanno avuto accesso ai 9 milioni di contributi complessivi messi a disposizione dell’amministrazione attraverso i bandi che si sono succeduti dal 2016 ad oggi", ha calcolato il comune.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia verso entrata in 'zona arancione' da venerdì: cosa cambia

  • Incendio a Cologno, fiamme ed esplosioni nel condominio: casa distrutta, palazzo evacuato

  • Bresso (Milano), due agenti della polizia locale accoltellati: uno è grave

  • "Ve matamos a todos", poi calci e pugni: il folle assalto della 'gang', 5 poliziotti feriti in metro

  • Lombardia verso la zona arancione: ma non c'è nulla da esultare. I numeri

  • Violenza sessuale a Milano, ragazza stuprata dal cugino del padre: "Se parli ti taglio la testa"

Torna su
MilanoToday è in caricamento