rotate-mobile
Il neo eletto

Le prime parole del nuovo procuratore capo di Milano

Chi è il neo eletto procuratore di Milano e attuale procuratore generale di Firenze, Marcello Viola

"Sono onoratissimo della decisione del Csm che riguarda la mia persona. Andrò a sostenere il nuovo incarico a Milano mettendo lo stesso grande impegno che ho sempre dato nei miei 42 anni di carriera e anche a Firenze, nel distretto toscano". A parlare è il neo eletto procuratore di Milano e attuale procuratore generale di Firenze, Marcello Viola

"Vorrei andare col pensiero ai miei collaboratori e anche a chi non c'è più - ha aggiunto Viola - visto che nei miei anni in Sicilia ho visto tante di quelle cose... In particolare rivolgo un pensiero a Paolo Borsellino con cui c'era un rapporto personale di grande affettuosità, lo considero un mio grande maestro, me lo ricordo prodigo di consigli nei miei confronti".

Il magistrato, che riconosce l'importanza della piazza milanese, ha anche voluto ricordare la figura di "Rocco Chinnici a cui venni assegnato per lo svolgimento del mio tirocinio".

Chi è Marcello Viola

Il nuovo procuratore capo di Milano, 65 anni, lavora in magistratura dal 1981. Prima di arrivare alla direzione della procura di Firenze nel 2016, era stato procuratore a Trapani, pm a Palermo e giudice istruttore in Sardegna. Originario di Cammarata, nell'Agrigentino, Viola era stato uditore di Giovanni Falcone, il magistrato simbolo della lotta alla mafia, ucciso nel 1992 da 'cosa nostra' insieme alla moglie Francesca Morvillo e ai tre uomini della sua scorta Antonio Montinaro, Rocco Dicillo e Vito Schifani.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le prime parole del nuovo procuratore capo di Milano

MilanoToday è in caricamento