Mangiagalli, protesta contro cartello antiabortista comparso davanti alla clinica

Autrice del manifesto contro la legge 194 è l'associazione Pro Vita. Un presidio al femminile ha coperto la pubblicità

Il cartello davanti alla Mangiagalli (Facebook/Cristina Pecchioli Ronzoni)

"Non fermare il suo cuore. Avrà il tuo sguardo, il tuo sorriso e sarà coraggioso perché tu lo sei". Questo il messaggio che si legge sul cartellone anti-abortista comparso davanti alla clinica ostetrica Mangiagalli nella notte tra il 2 e il 3 gennaio. I social si sono subito riempiti di scatti del manifesto e di commenti increduli e indignati. La pubblicità, firmata dalle associazioni Pro Vita e Ora et Labora, è stata poi coperta con un lenzuolo dalle Donne democratiche e dai partecipanti al presidio di domenica 3 gennaio davanti all'ospedale. I manifestanti hanno denunciato la crudeltà del testo antiabortista, che rende ancora più difficile una scelta già di per sé molto dolorosa per le donne - ma spesso inevitabile.

Nella pubblicità si vede l'immagine di una donna che accarezza un neonato e la foto di un'ecografia. In molti si chiedono chi abbia autorizzato la onlus antiabortista ad appendere il manifesto davanti alla prestigiosa clinica milanese, dove la legge sull'interruzione volontaria della gravidanza è sempre stata rispettata e dove si registra una percentuale di medici obiettori molto bassa. 

Cartello coperto-2

(Il cartello coperto, da facebook.com/diana.demarchi)

Sul messaggio antiabortista si è pronunciata in modo critico anche la primaria della Mangiagalli Alessandra Kustermann, che ha definito il messaggio "un insulto a tutte le donne e alla loro libertà di scelta", dichiarando anche che quella di Provita e Ora et Labora "è un’iniziativa inaccettabile e stigmatizzante". La dottoressa ha poi aggiunto "non possiamo accettare che ad altre, che vengono in ospedale in un momento già delicato e complesso, venga fatto questo".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In molti hanno condiviso la posizione di Kustermann e hanno risposto alla sua chiamata protestando davanti all'ospedale, per poi coprire il manifesto con un lenzuolo e altri due cartelli con su scritto "194 è una legge di Stato" e "viva la libertà".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, 'paziente covid positivo' attraversa la città con flebo e ossigeno: la performance

  • Milano, 15 volanti danno la caccia a un uomo: il folle inseguimento finisce in Buenos Aires

  • Incidente a Carpiano, scontro tra due auto piene di bambini: bimba di 7 mesi grave

  • Milano, ancora spari in via Creta: ragazzo di 32 anni gambizzato durante la notte, le indagini

  • Maltempo a Milano, violenta grandinata nel pomeriggio di venerdì: diversi allagamenti

  • Fanno esplodere la banca e scappano verso un campo rom: il bottino era di 60mila euro

Torna su
MilanoToday è in caricamento