rotate-mobile
Mercoledì, 22 Maggio 2024
Attualità Moncucco / Via Franco Russoli

Le "nuove" case popolari con i "tetti verdi" (fatte con gli scarti di riso)

Finiti i lavori di riqualificazione nelle torri Aler di via Russoli

Si sono conclusi i lavori di riqualificazione ed efficientamento delle torri Aler di via Russoli, nel quartiere Barona di Milano, finanziati con 15 milioni di euro. "L'operazione ha riguardato 187 alloggi e si è sviluppata attraverso l'impiego di nuove tecnologie a bassissimo impatto ambientale. Le torri dal nuovo volto green e oggi qualificate in classe energetica A sono state ristrutturate ed efficientate attraverso la realizzazione di un involucro edilizio 'a cappotto' costituito da materiali naturali, nello specifico da scarti di riso condensati in pannelli isolanti", si legge in una nota del Pirellone. 

"L'intervento di via Russoli - ha sottolineato il governatore Attilio Fontana - può diventare un modello di edilizia residenziale pubblica da replicare altrove, sia in termini di sostenibilità ambientale sia per quanto riguarda la qualità dell'abitare. Gli investimenti della Regione si traducono in progetti concreti in grado di dare nuove prospettive ai cittadini e offrire loro un contesto abitativo risanato e assolutamente dignitoso".

“Un intervento - ha aggiunto il presidente - che va nella direzione della sostenibilità, del vivere meglio e della socialità, grazie agli spazi comuni che vengono messi a disposizione. Continuiamo a lavorare per offrire alloggi sempre migliori e rispondere ai bisogni dei cittadini. Grazie anche ai cittadini che hanno collaborato per concretizzare tutto questo”.

"La riqualificazione delle torri di Via Russoli - ha sottolineato l'assessore regionale alla casa e housing sociale, Paolo Franco - segna una svolta positiva per i residenti e per tutto il quartiere della Barona e rappresenta al meglio il rilancio delle politiche abitative regionali che stiamo attuando attraverso la 'Missione Lombardia'. Ristrutturare gli edifici, con attenzione al risparmio energetico, significa migliorare la vita delle persone, contribuendo alla rigenerazione urbana e alla sostenibilità sociale. L’inaugurazione odierna – ha proseguito l’assessore - è il risultato di un’importante azione di riequilibrio territoriale e un esempio di come pubblico e privato, lavorando insieme e intensamente, possano risolvere in soli 13 mesi i problemi di 187 alloggi. Un investimento che dimostra attenzione concreta al territorio, un ringraziamento a chi lo ha reso possibile”.

Sui tetti piani sono state realizzate aree comuni adibite a giardini e spazi verdi, attraverso la coibentazione delle coperture con il sistema 'a tetto caldo' che consente la finitura con verde pensile: "Questo dimostra ulteriormente - ha concluso l'assessore alla Casa - l'attenzione per l'aspetto della socialità e della condivisione. Sono lieto che i residenti apprezzino le novità e l'importante lavoro messo in atto".

"Un'opera di riqualificazione - ha dichiarato il presidente di Aler Milano, Matteo Mognaschi - che ha visto l'impiego di materiali sostenibili, l'utilizzo di impianti fotovoltaici, l'applicazione del principio dell'autoconsumo, tutti elementi di innovazione che guardano alla riduzione delle emissioni inquinanti e del consumo di risorse, consentendo, oltre ad una maggiore cura dell'ambiente anche la riduzione delle spese a favore delle famiglie che abitano nelle case Aler. Abbiamo messo a disposizione le migliori tecnologie disponibili - ha concluso il presidente e AD di A2A Calore e Servizi, Luca Rigoni - concludendo in tempi rapidi un intervento complesso. I benefici ambientali sono significativi in termini di risparmio energetico". 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le "nuove" case popolari con i "tetti verdi" (fatte con gli scarti di riso)

MilanoToday è in caricamento