Domenica, 26 Settembre 2021
Attualità Lorenteggio / Via Giambellino, 153

Stavolta è definitivo: chiude l'ultimo cinema porno di Milano

La chiusura annunciata già nel 2014: si tratta del Pussycat di via Giambellino

L'ultimo cinema a luci rosse di Milano chiude, e questa volta lo fa sul serio: nel 2014, infatti, all'annuncio non seguirono i fatti. Un cartello fuori da via Giambellino 153 parla di lavori di ristrutturazione, ma chi bazzica la zona giura di non aver visto operai per tutto il mese di gennaio. L'ultima proiezione risale a dicembre e nessuno, nelle ultime settimane, si è recato a ritirare la posta.

Nata come cinema Cittanova nel 1949, la sala si convertì al genere porno nel 1981 restando però a programmazione mista fino al 1987. Poi, con il cambio di gestione (dal "mitico" Albino Carenzi, un nome storico per le sale cinematografiche milanesi, alla Duomo Film), verso la fine degli anni '90 avvenne anche il cambio di nome. 

Nel 2013 la polizia locale chiuse in un colpo solo il Sempione, l'Ambra e il Garden per un'inchiesta sulla prostituzione all'interno delle tre sale. Rimase in attività soltanto il Pussycat, a Milano, ma soffrendo comunque la crisi del settore delle pellicole a luci rosse rispetto a internet, divenuto ormai il metodo principale di fruizione di questo genere cinematografico. 

Così nel 2014 la proprietà mise in vendita l'edificio per 495 mila euro. Ciò non produsse però, contrariamente a quanto venne scritto all'epoca, una vera e propria chiusura dell'attività. Che, infatti, è proseguita fino al mese di dicembre del 2018, con l'ultima proiezione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stavolta è definitivo: chiude l'ultimo cinema porno di Milano

MilanoToday è in caricamento