Attualità

Abbonamenti Atm e Trenord: come detrarli dalla dichiarazione dei redditi 2019

Le istruzioni fornite dalle aziende per detrarre il 19% del costo sostenuto per il trasporto, fino a 250 euro all'anno

Non tutti sanno che, a partire dalla dichiarazione dei redditi 2019, è possibile detrarre il 19% delle spese sostenute per l'abbonamento al trasporto pubblico locale, regionale e interregionale, su un costo annuo massimo di 250 euro. L'agevolazione, introdotta dalla Legge di Bilancio 2018, riguarda sia le spese sostenute dal contribuente direttamente, sia quelle affrontate per conto dei familiari fiscalmente a carico.

Come detrarre dalla dichiarazione dei redditi l'abbonamento Atm

Ma come si fa a giustificare la spesa sostenuta? E' sufficiente la ricevuta dell'acquisto, che per Atm è possibile scaricare accedendo all'area riservata, con username e password. Un'operazione semplice che permette agli utenti di recuperare, almeno in parte, una spesa che finora non poteva essere recuperata in alcun modo.

Come detrarre l'abbonamento di Trenord

Sicuramente una buona notizia per gli utenti, non solo abbonati a Atm ma anche a Trenord e Trenitalia. Trenord, per esempio, sul proprio sito web spiega che è sufficiente conservatre il titolo di viaggio che, se non è nominativo, va accompagnato da una autocertificazione di cui l'azienda ferroviaria fornisce un modello.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Abbonamenti Atm e Trenord: come detrarli dalla dichiarazione dei redditi 2019

MilanoToday è in caricamento