Il Coronavirus non si ferma: in un giorno 848 contagi tra Milano e hinterland. Tutti i dati

In Lombardia si sono registrati oltre 2.500 nuovi casi. Il totale dei morti sfiora i 5mila

Immagine repertorio

Aumentano i contagi, soprattutto nella città metropolitana di Milano. È quanto emerge dall'ultimo bollettino reso noto dalla Regione nel pomeriggio di giovedì 26 marzo. La situazione era stata annunciata nel primo pomeriggio dal governatore Attilio Fontana: "I numeri di oggi, purtroppo, non sono molto belli. Il numero dei contagiati è aumentato un po' troppo rispetto alla linea dei giorni scorsi. Speravamo che non si dovesse verificare nessun tipo di aumento di questo genere".

E il boom di nuovi casi è avvenuto soprattutto a Milano e hinterland dove i contagiati sono passati da 6.074 a 6.922: 848 nuovi casi in un giorno. È il secondo aumento più forte dopo il 21 marzo quando i nuovi positivi al virus erano stati 868; negli ultimi giorni quattro giorni si erano registrati aumenti tra le 230 e le 424 unità.

"Quando ho visto il dato così forte ho chiamato gli ospedali milanesi, che però non hanno evidenziato una crescita di accessi ai pronti soccorsi - ha spiegato Gallera -. Potrebbe essere che si tratti di una crescita nel numero dei tamponi fatti in questi giorni, ma non corrispondono a più ricoveri".

Coronavirus, la curva di Milano

Nella giornata di giovedì 26 marzo si è verificato un aumento significativo di contagiati proprio nel comune di Milano dove i casi sono cresciuti di 310 unità: l'aumento più rapido da quando il virus arrivato da Oriente ha invaso la metropoli lombarda.

Un aumento netto rispetto all'ultima settimana quando i casi erano aumentati tra i 121 e i 287 casi giornalieri.

La situazione in Lombardia

In Lombardia i casi totali sono aumentati arrivando a quota 34.889 (+2.543 in una sola giornata). Sono aumentati anche le persone ricoverate: +655 in una sola giornata arrivando a quota 10.681, 1.263 di queste si trovano in terapia intensiva. Si sono registrati anche 387 morti in più, ma ci sono state anche 558 persone guarite. 

"I numeri non rappresentano le nuove infezioni ma le nuove diagnosi — ha spiegato Carlo Federico Perno, responsabile del Laboratorio di medicina del Niguarda —. Persone che si sono infettate circa 7 o 14 giorni fa. A un aumento delle diagnosi è aumentato anche il numero dei tamponi". 

Analizzando il numero di tamponi eseguiti emerge che tra mercoledì e giovedì 26 marzo sono stati eseguiti 6047 tamponi. Nell'ultima settimana (dal 19 al 26 marzo) i tamponi effettuati sono stati 38.730, circa 5.500 al giorno.

Diminuiscono gli spostamenti

Nei giorni del coronavirus sono diminuiti gli spostamenti dei cittadini lombardi. Il fatto emerge dai dati rilevati attraverso i cambi di celle alle quali si agganciano gli smartphone quando sono in movimento. "Secondo gli ultimi rilevamenti effettuati sulla giornata del 25 marzo – spiega il vicepresidente di Regione Lombardia, Fabrizio Sala – i numeri mostrano un significativo calo".

Le rilevazioni sono effettuate quotidianamente elaborando i dati forniti dalle compagnie telefoniche operative sul territorio lombardo.

"Siamo al 36% degli spostamenti – sottolinea il vice presidente di Regione Lombardia, Fabrizio Sala – e il dato ci conforta perché ci fa capire che i lombardi continuano ad attenersi alle rigide, ma fondamentali, restrizioni che abbiamo dovuto adottare per contenere il diffondersi del contagio".

spostamenti-a-25-marzo-2

Grafico - Gli spostamenti dei Lombardi, dato al 25 marzo 2020

Bertolaso: "Continua a lavorare al nuovo ospedale in Fiera"

Continua a lavorare al progetto dell'ospedale Covid-19 alla Fiera di Milano Guido Bertolaso, da mercoledì ricoverato all'ospedale San Raffaele di Milano dopo essere risultato positivo al Coronavirus. Secondo quanto trapelato le condizioni del consulente del presidente della Regione sarebbero stabili e si troverebbe ricoverato solo per "precauzione".

Per Bertolaso anche oggi i medici "hanno fatto qualche accertamento di routine, non c'è nessun aggravamento delle sue condizioni di salute: segue i lavori via Skype e non c'è verso di farlo riposare. Continua a chiamare chi è fisicamente in Fiera, insomma si fa sentire", fa sapere chi resta in stretto contatto con lui. La sua assenza inizialmente aveva fatto temere possibili ritardi nella realizzazione della struttura, non sarà così: domenica saranno consegnate le chiavi del primo modulo.

Nuovo modulo di autocertificazione

Nelle scorse ore il Ministero dell'Interno ha pubblicato il nuovo modulo di autocertificazione per gli spostamenti. Lo puoi scaricare da questa pagina.

Come varia la curva del contagio in Lombardia

Negli ultimi giorni in Lombardia si stanno intravedendo gli effetti delle misure varate dal governo e dalla Regione: la percentuale di nuovi contagiati (anche se cresciuta nella giornata di giovedì 26 marzo) sta lentamente scendendo rispetto a inizio mese. Ciò non vuol dire che non ci sono nuovi casi ma che il virus, seppure in crescita, sta procedendo meno rapidamente rispetto alle scorse settimane.

Coronavirus, i contagi nelle province Lombarde

La provincia lombarda in cui si registrano più casi di Coronavirus nella giornata di giovedì 26 marzo è Bergamo (7548), seguono Brescia (6931) e Milano (6922). Successivamente ci sono Cremona (3370), Lodi (1968), Monza e Brianza (1750), Pavia (1685), Mantova (1250), Lecco (1159), Como (762), Varese (502) e Sondrio (325).

Gallera: "Stiam recuperando i medici dove possiamo"

"I medici li stiamo recuperando dove possiamo. Sono pochi perché ci sono stati anni di politica nazionale folle che ha tagliato i medici di base, non può essere accusata oggi la Regione". Lo ha detto nella mattinata di giovedì 26 marzo l'assessore lombardo al Welfare, Giulio Gallera, replicando ad 'Agorà' su Rai3 alla vicesindaca di Brescia, Laura Castelletti, che lamentava la mancanza di medici e saturimetri.

Fatebenefratelli, trasformato un reparto pediatrico

Riconvertito e trasformato a tempo di record. Succede al reparto "Casa pediatrica" dell'ospedale Fatebenefratelli di Milano che in soli cinque giorni è diventato un reparto per pazienti affetti da Covid-19, la malattia causata dal Coronavirus. La nuova struttura è stata inaugurata nella mattinata di giovedì 26 marzo.

L'ex questore di Milano ricoverato al San Raffaele

Dopo Guido Bertolaso, consulente del presidente regionale Attilio Fontana, anche il prefetto di Lodi Marcello Cardona è ricoverato da qualche giorno all'ospedale San Raffaele di Milano per aver contratto il coronavirus.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La notizia è trapelata nelle scorse ore. Le sue condizioni, da quanto è stato riferito, non destano preoccupazioni: è in fase di miglioramento. Lo scorso 8 marzo è stato lui stesso ad annunciare di essere risultato positivo al test del Covid-19 aggiungendo di essersi messo in isolamento nel suo alloggio in prefettura.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quando si azzerano i contagi a Milano e in Lombardia: le prime previsioni

  • Coronavirus: contagi in calo in Lombardia, ma 458 morti in un giorno. A Milano 3.560 positivi

  • Coronavirus, per la Regione "dati confortanti" ma la crescita dei contagi (e dei morti) è senza fine

  • Coronavirus, ecco l'applicazione per il cellulare: "Vi chiediamo di scaricarla tutti"

  • Coronavirus, gli esperti bocciano l'apertura scaglionata: "Sì a un altro mese di chiusura"

  • Coronavirus, prese due aerei e un taxi per scappare da Milano: donna muore in Sicilia

Torna su
MilanoToday è in caricamento