menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Nonna Giuseppina

Nonna Giuseppina

Nonna Giuseppina, 104 anni, sconfigge il covid e torna ad abbracciare i figli: "L'incubo finirà"

La storia di nonna Giuseppina. Il sindaco di Castano Primo: "È il segno della speranza"

Rinascere a cento anni. Vincere le paure, e la malattia, dopo oltre un secolo di vita. È il miracolo compiuto da Giuseppina, classe di ferro 1916, che a 114 anni è riuscita a sconfiggere il coronavirus che l'aveva colpita a novembre scorso, quando era risultata positiva a un tampone effettuato nella Rsa Colleoni, la casa di riposo di Castano Primo dove vive da anni.

A raccontare il lieto fine della sua storia è stato il sindaco di Castano, Giuseppe Pignatiello, che in Giuseppina ha visto "il segno della speranza, anzi della certezza di quel ritorno alla normalità che tutti vogliamo con forza". "Lei di forza ce ne ha messa sicuramente tanta. Tutta. Forza, tenacia, caparbietà, impegno, passione, voglia di vivere. Questi sono i sentimenti che ha fatto completamente suoi, per sconfiggere il demone di un virus che ci ha dato troppo dolore", ha spiegato il primo cittadino. 

A novembre, quando l'anziana si è positivizzata, "figlie e nipoti erano naturalmente molto preoccupati, ma dopo circa un mese ne è uscita, con la grinta leggera di chi nella vita ne ha viste davvero tante e grazie alle cure del Dottor Bianchi e di tutta la casa di riposo Colleoni di Castano Primo". E la scorsa settimana, dopo quasi due mesi di solitudine, Giuseppina ha potuto riabbracciare le figlie Carla e Maria Antonietta nella sala degli abbracci, la stanza creata per permettere agli ospiti di incontrare i familiari senza pericoli. 
 
È stato "un attimo intenso e lungo come un'eternità, un istante in cui è stato un po’ come rinascere", ha confessato Pignatiello. "Grazie signora Giuseppina, con i tuoi 104 anni e con la tua storia hai regalato un motivo in più a tutti noi per sognare e per credere che questo incubo finirà. E - ha concluso il sindaco - facendo nostra la tua tenacia, finirà presto".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento