rotate-mobile
Lunedì, 17 Giugno 2024
Coronavirus Sempione / Corso Sempione

Ecco il piano del comune per evitare gli assembramenti nei parchi di Milano

Il comune pensa a controlli con le associazioni di volontariato e City Angels. "No all'esercito"

Milano è stata promossa, anche se non a pieni voti, nel primo weeekd di Fase2 e il bilancio per la città, secondo Palazzo Marino, è comunque positivo. Un fine settimana iniziato con una serie di polemiche per la presenza di diversi giovani sui Navigli ma anche qualche assembramento nei parchi della città, cui è seguita una risposta muscolare da parte del comando di Piazza Beccaria.

Navigli, non incazziamoci ma cerchiamo soluzioni

Ma se la situazione sui Navigli è più che regolare (negli ultimi giorni i canali artificiali sono stati pattugliati da numerosi agenti della Locale), qualche criticità arriva dalle zone verdi. Alcuni problemi sono stati registrati proprio nei parchi, "soprattutto in quelli cintati come Parco Sempione — ha sottolineato la vicesindaco Anna Scavuzzo intervenendo alla trasmissione "Mattino24" su Radio 24 —. Problemi legati anche a mascherine non indossate che hanno determinato qualche sanzione".

Per questo la squadra del sindaco sta lavorando a una soluzione. E se qualcuno ha proposto di far pattugliare le aree all'esercito il comune sembra voler privilegiare un atteggiamento più soft: "L'obiettivo dell'amministrazione — ha precisato la Scavuzzo — non è dare più multe ma far rispettare le prescrizioni". Quindi la vice di Sala ha fatto sapere che il Comune sta "promuovendo una serie di accordi con associazioni di volontariato della polizia locale, le guardie ecologiche, City angels, le associazioni di Arma che ci aiutino a richiamare al rispetto delle regole".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ecco il piano del comune per evitare gli assembramenti nei parchi di Milano

MilanoToday è in caricamento