menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La seconda dose si fa con lo stesso vaccino, anche con AstraZeneca. La decisione

Da giovedì 8 aprile le dosi del vaccino anglo-svedese andranno alla fascia tra i 60 e i 79 anni

Coloro che hanno ricevuto una prima dose del vaccino AstraZeneca dovranno e potranno ricevere la seconda dose con lo stesso vaccino anglo-svedese. Dopo le valutazioni dell'Ema sul legame tra il vaccino e le trombosi rare, la notizia è contenuta nella circolare con cui il ministero della Salute aggiorna le raccomandazioni sul vaccino di Oxford, il cui uso è ora preferenziale negli over 60 del nostro Paese.

"Ribadendo che il vaccino Vaxzevria è approvato a partire dai 18 anni di età, sulla base delle attuali evidenze, tenuto conto del basso rischio di reazioni avverse di tipo tromboembolico a fronte della elevata mortalità da covid-19 nelle fasce di età più avanzate, si rappresenta - si legge nella circolare - che è raccomandato un suo uso preferenziale nelle persone di età superiore ai 60 anni?". Nel documento, firmato dal direttore generale Prevenzione Gianni Rezza, si conferma anche che, "in virtù dei dati ad oggi disponibili, chi ha già ricevuto una prima dose del vaccino Vaxzevria può completare il ciclo vaccinale col medesimo vaccino".

Le seconda dose del vaccino AstraZeneca

Dopo le valutazioni di Ema che ha ritenuto possibile un legame fra il vaccino AstraZeneca e casi molto rari di trombosi, la raccomandazione agli over 60 cambia quindi il piano vaccinale in Italia. "La posizione decisa dal ministro" Speranza "dopo un confronto è quella di raccomandare un uso preferenziale nei soggetti oltre i 60 anni di età. Al momento non ci sono elementi per non considerare la somministrazione di AstraZeneca in chi ha ricevuto la prima dose di questo vaccino", ha detto il professor Franco Locatelli, coordinatore del Cts e presidente del Consiglio superiore di sanità.

L'Ema, pur riconoscendo un possibile legame tra i casi eccezionali di trombosi e il vaccino anglo-svedese, non aveva ritenuto di sconsigliare le somministrazioni per genere o fasce d'età, poiché i benefici complessivi del vaccino nella prevenzione di covid-19 superano i rischi degli effetti collaterali", demandando ai singoli Stati la decisione sull'uso del vaccino.

"La valutazione fatta dal comitato di farmacovigilanza dell'Ema è che il nesso di causalità, per quanto non dimostrato definitivamente, è stato dichiarato plausibile", ha detto Locatelli. "Il meccanismo che sottende allo sviluppo di questi fenomeni oggi non è definitivamente chiarito. Ci sono ipotesi che fanno pensare a reazioni del sistema immunitario. Questi fenomeni sono molto rari, gli eventi osservati sono stati superiori all'aspettato fino all'età di 60 anni ma inferiori all'atteso nei soggetti sopra i 60 anni di età. La maggior parte di questi eventi trombotici si è avuta nei primi 14 giorni dopo la somministrazione di vaccino e si è osservata solo dopo la prima somministrazione. Il numero delle seconde dosi somministrato è troppo limitato per arrivare a conclusioni definitive", afferma.

Il piano vaccinale andrà rimodulato, ma lo sarà in modo da non subire rallentamenti, è il messaggio di fiducia che rimbalza. Il commissario Francesco Paolo Figliuolo mette in chiaro: la raccomandazione su AstraZeneca non avrà impatto sul piano vaccinale. Da giovedì 8 aprile le dosi del vaccino anglo-svedese andranno alla fascia tra i 60 e i 79 anni.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

La Lombardia torna in zona arancione, la decisione

Coronavirus

Che fine farà lo smart working a Milano dopo la pandemia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cologno

    Le sette caprette salvate a Cologno (Milano)

  • Sport

    Il nuovo logo dell'Inter

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento