menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

AstraZeneca, Lombardia sospende vaccini "con assoluta tempestività": saltati 33mila appuntamenti

Le parole dell'assessore Letizia Moratti dopo lo stop di Aifa ai vaccini AstraZeneca in Italia

Stop ai vaccini AstraZeneca. L'Aifa, l'agenzia italiana del farmaco, ha infatti deciso di bloccare le somministrazioni del siero anti covid anglo svedese in tutta Italia, Lombardia compresa.

"In ottemperanza alle indicazioni dell'Agenzia Italiana del Farmaco - ha fatto sapere l'assessore al welfare lombardo, Letizia Moratti - ho dato disposizione al direttore generale dell'assessorato regionale al Welfare di sospendere, con assoluta tempestività, la somministrazione del vaccino anti covid AstraZeneca su tutto il territorio regionale in attesa di ulteriori determinazioni da parte degli organi competenti".

Da questo momento in poi, quindi, a Milano e in Lombardia - come nel resto d'Italia - i vaccini di AstraZeneca non saranno più somministrati, il che inevitabilmente rischia di compromettere la campagna vaccinale allungando i tempi. 

AstraZeneca, saltati 33mila appuntamenti

"A seguito della sospensione precauzionale e temporanea da parte di Aifa, sono sospesi gli appuntamenti per le somministrazioni di vaccini Astrazeneca presso l'Ospedale Niguarda, previsti per le giornate del 16 e del 17 marzo", hanno fatto sapere nel pomeriggio di lunedì dall'ospedale meneghino, sottolineando che "seguiranno aggiornamenti a seguito delle indicazioni da parte degli organi competenti".

"Si fa presente che gli appuntamenti presso il presidio di Ippocrate, riservato alle vaccinazioni per le persone over 80 con vaccini Pfizer, proseguono - hanno evidenziato dal Niguarda -. Si ricorda che l'accesso è riservato ai soli utenti con prenotazione".

Stesso avviso dal neonato drive through di Trenno. "Informiamo che le caccinazioni anticovid in programma per domani mattina al Drive Through di Trenno sono sospese fino a nuove indicazioni di Regione Lombardia", hanno segnalato dall'Asst Santi Paolo e Carlo, che gestisce la struttura insieme all'esercito.

Tra martedì, mercoledì e giovedì in tutta la regione sono stati rinviati 33.500 appuntamenti per la vaccinazione con AstraZeneca. 

AstraZeneca, vaccini sospesi in tutta Italia

La notizia della sospensione di AstraZeneca è arriva lundì pomeriggio. "L’Aifa - si legge nella nota arrivata dall'agenzia - ha deciso di estendere in via del tutto precauzionale e temporanea, in attesa dei pronunciamenti dell’Ema, il divieto di utilizzo del vaccino AstraZeneca covid19 su tutto il territorio nazionale. Tale decisione è stata assunta in linea con analoghi provvedimenti adottati da altri Paese europei". In Europa, infatti, nelle ultime ore già Germania e Olanda - tra le altre - avevano decretato lo stop alle somministrazioni. 

"Ulteriori approfondimenti sono attualmente in corso. L’Aifa, in coordinamento con Ema e gli altri Paesi europei, valuterà congiuntamente tutti gli eventi che sono stati segnalati a seguito della vaccinazione", prosegue il comunicato. 

"Aifa - ha assicurato in conclusione l'agenzia - renderà nota tempestivamente ogni ulteriore informazione che dovesse rendersi disponibile, incluse le ulteriori modalità di completamento del ciclo vaccinale per coloro che hanno già ricevuto la prima dose".

I primi stop ad AstraZeneca

Già lo scorso 11 marzo in Lombardia, e in tutta Italia, era stato sequestrato il lotto ABV2856 di AstraZeneca "a seguito della segnalazione di alcuni eventi avversi gravi, in concomitanza temporale con la somministrazione di dosi appartenenti al lotto".

La decisione di Aifa era arrivata dopo la morte di due uomini in Sicilia subito dopo le somministrazioni. Per quello l'agenzia del farmaco aveva deciso "in via precauzionale di emettere un divieto di utilizzo di tale lotto su tutto il territorio nazionale" e si era riservata "di prendere ulteriori provvedimenti, ove necessario, anche in stretto coordinamento con l’Ema, agenzia del farmaco europea". "Al momento - avevano sottolineato da Aifa - non è stato stabilito alcun nesso di causalità tra la somministrazione del vaccino e tali eventi". 

Lunedì 15 marzo, però, un nuovo lotto AstraZeneca è stato sequestrato. La procura di Biella ha infatti disposto "a scopo precauzionale il sequestro preventivo d'urgenza su tutto il territorio nazionale del lotto ABV5811 del vaccino AstraZeneca "cui apparteneva la fiala di vaccino somministrata a Sandro Tognatti, docente di musica 57enne deceduto il giorno dopo essersi sottoposto al vaccino. Poco dopo è arrivata la decisione di sospendere le vaccinazioni con AstraZeneca in tutta Italia. 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona gialla: le faq aggiornate e le regole per capire cosa si può fare

Attualità

Un uomo è rimasto incastrato col pene nel peso di un bilanciere

Coronavirus

Lombardia zona gialla: cosa potrebbe riaprire dal 26 aprile

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Elezioni comunali 2021

    Il nostalgismo

  • Porta Nuova

    In piazza Gae Aulenti è comparso un enorme caprone di legno

  • Cologno

    Le sette caprette salvate a Cologno (Milano)

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento