menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, Fontana in un bar di Lodi per prendere un caffè con Mattia, il paziente 1

Mattia era stato male nella settimana del 14 febbraio, poi si è capito che fosse covid-19

“Oggi sono a Lodi, ho colto l’occasione per prendere un caffè con Mattia, il primo paziente italiano grazie al quale siamo riusciti a far partire l’allarme in tutto il Paese, in tutta Europa”. È quanto ha scritto sul suo prodilo Facebook il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, oggi in trasferta a Lodi.

“Voglio ricordare un fatto che ormai è appurato. Grazie alla forza e alla resistenza di Mattia abbiamo capito che qualcosa non andava nella sua malattia – scrive Fontana – e grazie a questo e al coraggio dei medici di Codogno che hanno scelto di andare oltre ai protocolli, il virus è stato scovato. Diversi studi hanno poi ricostruito che il covid circolava sul territorio già da diverso tempo, addirittura da mesi”.

“Forza Mattia, grazie. Oggi – conclude – parliamo di Lodi e di questo splendido territorio”.

Mattia era stato male nella settimana del 14 febbraio. Con febbre alta e tosse, aveva rifiutato un ricovero ed era stato mandato a casa. Ritornato in ospedale a Codogno, grazie all'intuizione di una dottoressa anestesista, gli era stato fatto il tampone per il covid-19: che era risultato positivo.

Si pensava che potesse aver contratto il virus da un amico tornato il 21 gennaio dalla Cina - il presunto paziente 0 - ma gli esami avevano escluso questa possibilità. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento