menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un'immagine dell'ospedale temporaneo in Fiera a Milano

Un'immagine dell'ospedale temporaneo in Fiera a Milano

Covid-19, Gallera: «Piano per aumentare i posti in intensiva». E l'ospedale in Fiera resta

Dalla ricostruzione di Gallera, l'ospedale è stato realizzato con una raccolta fondi della Fiera. Chi ha donato direttamente in Regione comunque contribuirà all'acquisto di macchinari e dispositivi di protezione

L'emergenza sanitaria da Covid-19 sembra diminuita, ma l'allerta resta in Lombardia, la regione italiana più colpita dall'epidemia. Le prossime fasi sono state illustrate dall'assessore al welfare Giulio Gallera durante il consiglio regionale di martedì 9 giugno, rispondendo ad una interrogazione del Partito democratico. Gallera ha citato il piano di sviluppo dei posti letto di terapia intensiva e sub-intensiva che verrà presentato al Governo nazionale entro il 17 giugno, sulla base di un decreto che impone di incrementarli.

In particolare, i posti di terapia intensiva passeranno da 861 a 1.466, mentre quelli di sub-intensiva saranno 704, di cui la metà trasformabili immediatamente in intensiva. Nel piano sono presenti anche i tanto discussi ospedali "ex novo" realizzati nelle fiere di Milano e Bergamo, di cui si è parlato per il presunto spreco di risorse in rapporto ai malati effettivamente curati in quelle strutture. Gallera ha precisato che i due nosocomi temporanei resteranno pronti alla riattivazione in caso di passaggio ad un livello di allerta superiore all'attuale, in modo da sopperire all'eventuale improvvisa necessità di posti letto in terapia intensiva.  

I soldi dei donatori: non direttamente per l'ospedale in Fiera

L'assessore regionale ha poi spiegato nel dettaglio da dove arrivano i soldi per l'ospedale in Fiera a Milano, sulla cui vicenda è stato aperto un fascicolo d'indagine da parte della procura. Finora si è sempre detto che i 21 milioni di euro necessari sono il frutto di donazioni private (di oltre 5 mila donatori), alcune molto ingenti come quelle di 10 milioni di Silvio Berlusconi (attraverso la Fondazione Luigi Berlusconi, intitolata al padre del Cav) e di Leonardo Del Vecchio. Ma Gallera, in consiglio regionale, ha specificato che le donazioni come quella di Berlusconi sono arrivate «direttamente a Regione Lombardia» con l'esplicita finalità della realizzazione dell'ospedale, ma ad essa ha provveduto la Fondazione Fiera Milano (proprietaria degli spazi) «mediante raccolta fondi propri». 

Dunque, stando a quanto dichiarato da Gallera in aula, le donazioni private pervenute a Regione Lombardia e non all'ente Fiera saranno utilizzate (con l'autorizzazione dei donatori) per l'acquisto di dispositivi di protezione e attrezzature mediche per le strutture sanitarie, compreso l'ospedale in Fiera. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

La Lombardia torna in zona arancione, la decisione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cologno

    Le sette caprette salvate a Cologno (Milano)

  • Sport

    Il nuovo logo dell'Inter

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento