Coronavirus e teatri chiusi: dal Litta la campagna al pubblico "Mi lasci il tuo biglietto?"

L'iniziativa per chiedere al pubblico di non farsi rimborsare il biglietto non utilizzabile per dare ossigeno ai teatri in ginocchio per la chiusura forzata

Il Teatro Litta

«Mi lasci il tuo biglietto?». E' questo lo slogan scelto da Manifatture Teatrali Milanesi (Teatro Littta, Teatro Leonardo e scuola di teatro Quelli di Grock) per chiedere a chi è abbonato o in possesso di un tagliando per uno spettacolo annullato per l'emergenza Coronavirus di non farselo rimborsare dalla struttura teatrale. Una campagna social d'effetto, che (se accolta dagli spettatori mancati) può dare un importante ossigeno a un settore allo stremo.

Fin dal 23 febbraio molti spettacoli in Italia sono stati annullati; il susseguirsi delle ordinanze ha procurato prima lo stop, poi la possibilità di andare in scena rispettando la distanza di almeno un metro tra uno spettatore e l'altro, infine (dall'8 marzo in Lombardia e altre province, dal 9 marzo in tutto il Paese) la chiusura dei teatri, così come dei cinema e di tutte le altre sale da spettacolo.

Cinema e teatri: «Con il Coronavirus, la Regione aiuti anche loro»

Già il provvedimento "mitigato" del rispetto della distanza era impossibile, o quasi, per i teatri, perché in presenza di biglietti già venduti è impossibile discriminare e perché ridurre a un terzo (o anche più) la capienza significa perdere importanti introiti col rischio di non poter sostenere i costi della rappresentazione. La totale chiusura imposta per decreto fino al 3 aprile, seppure per esigenze di salute pubblica, mette in ginocchio imprese che rimangono senza flusso di cassa e lavoratori in maggioranza "a chiamata", artisti compresi. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ovviamente è sempre possibile, in questi casi, chiedere un rimborso. Ma Manifatture Teatrali fa di più e invita a "lasciare" il biglietto al teatro. «Chi ha comprato i biglietti per uno degli spettacoli in programmazione dal 25 febbraio al 3 aprile può inviare una mail a biglietteria@mtmteatro.it indicando se desidera donare, spostare i biglietti su un altro titolo del cartellone o chiedere il rimborso», si legge in una nota di MTM firmata dalla presidente Gaia Calimani: «L’energia e la coesione del gruppo di lavoro di Manifatture Teatrali Milanesi sta cercando di buttare il cuore oltre l’ostacolo e pensare alla ripresa e a quando finalmente potremmo ridare il benvenuto al nostro pubblico. Stiamo lavorando per tornare alla normalità dei nostri luoghi e contenere i danni comunque creati in questo momento così delicato che ci rende tutti molto fragili».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollettino covid coronavirus Milano e Lombardia: nuovo record assoluto, +2.419 casi

  • Covid, la Lombardia inasprirà le regole: stop a sport amatoriale, bar chiusi alle 21

  • Covid, le regole in Lombardia dal 17 ottobre: locali chiusi alle 24, stop allo sport di contatto

  • Milano, lunedì in centro arriva il laboratorio mobile: test gratis per il coronavirus (e per l'epatite C)

  • Coronavirus, coprifuoco a Milano e in Lombardia dalle 23 alle 5: c'è l'ok del Governo

  • Milano, il nuovo Dpcm contro il coronavirus: ristoranti, palestre e 'coprifuoco alle 21'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento